Chen Guangcheng arriva a Taiwan: un viaggio “per la libertà”

Dopo un anno trascorso a New York il dissidente cieco , che si batte contro gli aborti forzati e le  sterilizzazioni in Cina, arriva a Taipei dove “almeno un’università” potrebbe ospitarlo come studente in visita. Pechino per ora non commenta. 

Taipei – Chen Guangcheng, l’attivista cieco che si batte contro gli aborti forzati e le sterilizzazioni in Cina, è arrivato questa mattina a Taiwan per un “viaggio per la libertà e i diritti umani”. La scelta di visitare l’isola – che Pechino considera una “provincia ribelle” da riportare alla madrepatria – aggiunge tensione a una situazione diplomatica sempre più intricata.

Dopo 4 anni di carcere per le sue battaglie democratiche, infatti, Chen è fuggito il 18 aprile 2012 dagli arresti domiciliari e, dopo uno spericolato viaggio, si è rifugiato nell’ambasciata americana a Pechino. In seguito a minacce di ritorsioni contro la sua famiglia, egli ha accettato di uscire dall’ambasciata e farsi ricoverare in ospedale per curare un piede, ferito durante la fuga.

Raggiunto dalla moglie e dai due figli, ha chiesto di poter lasciare la Cina e visitare gli Stati Uniti “per un periodo determinato di tempo”. Dopo un lungo stallo, il governo cinese ha proposto una soluzione: Chen – dichiarava una nota del ministero degli esteri – può domandare di andare all’estero a studiare “come tutti i cittadini cinesi”. Da allora ha passato un anno alla New York University, ma nei giorni scorsi il suo dottorato è scaduto e l’ateneo gli ha chiesto di andare via.

Appena arrivato all’aeroporto internazionale di Taoyuan, nel nord di Taiwan, Chen ha detto di essere “lieto” di poter visitare l’isola. Yang Sen-hong, presidente dell’Associazione cinese per i diritti umani, ha aggiunto che “almeno un’università sarebbe lieta di averlo come studente in visita. È un viaggio compiuto in nome della democrazia e dei diritti umani”.

Anche se Pechino è rimasta per ora in silenzio su questa situazione, è probabile che esprimerà una protesta formale. Tuttavia i rapporti con Taipei sono molto migliorati da quando nel 2008 è salito al potere il presidente nazionalista Ma Ying-jeou: questi ha lanciato infatti una campagna di disgelo sullo Stretto che ha portato alla firma di diversi accordi – commerciali e diplomatici – fra i due Paesi.

Asianews, 24 Giugno 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.