Cento asciugatrici a gas sequestrate in Trentino

Oltre cento asciugatrici a gas importate dalla Cina, per un valore di mercato di circa 120.000 euro, sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza di Trento perche’ giudicate pericolose per l’incolumita’ dei consumatori. I due titolari della ditta importatrice, entrambi cittadini italiani, sono stati denunciati per frode commerciale e violazioni sulla sicurezza dei prodotti. L’operazione ha preso l’avvio da una segnalazione del Centro di ricerca e tutela consumatori della provincia di Trento. L’attivita’ investigativa ha consentito di individuare una societa’ commerciale della Vallagarina che aveva acquistato da un’azienda cinese un ingente lotto di asciugatrici a gas della marca ‘Futura’. I prodotti risultavano sprovvisti della certificazione di conformita’ agli standard di sicurezza europei e, secondo una perizia disposta dalla Procura di Rovereto, un serio pericolo per l’incolumita’ delle persone a causa anche dell’alimentazione a gas. Meta’ delle asciugatrici sono state sequestrate nei magazzini della societa’ importatrice, il resto nelle abitazioni dei clienti.

Fonte: ANSA, 16 novembre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.