Centinaia di tibetani pronti a morire per difendere il “monte sacro” dalla distruzione

Ser Ngol Lo è un luogo sacro per i tibetani, ma è ricco d’oro che le autorità cinesi vogliono estrarre. La popolazione è pronta anche a morire, per impedire gli scavi. Mobilitato l’esercito.

Centinaia di tibetani si confrontano da giorni con  la polizia a Ser Ngol Lo, nel sottodistretto di Tsangshul del villaggio Lhara (contea di Markham, prefettura di Chamdo), per  impedire gli scavi minerari di una  montagna che  per  loro è sacra.

Ser Ngol Lo significa in  tibetano  “Anno d’oro e d’argento”, qui si svolgono riti propiziatori contro la siccità. Ma le autorità cinesi ritengono esserci ricche miniere d’oro e altri metalli e la ditta Zhongkai Co. è stata autorizzata a fare scavi.

Per impedirlo i tibetani hanno occupato la zona in modo pacifico. Le autorità hanno chiamato l’esercito. Secondo l’agenzia Radio Free Asia,  il  24 maggio c’erano almeno 300 soldati.

La protesta è in atto da mesi, con  i residenti che  non cedono e le autorità che insistono per scavare la montagna. Fonti  locali riferiscono  che all’inizio di aprile è venuto Pema Thimley, vicepresidente del Partito comunista del Tibet, per convincere gli abitanti a consentire gli scavi. La situazione si è aggravata dal 16 maggio,  quando è arrivata la polizia. Oltre 500 residenti hanno subito bloccato la strada che porta al sito  minerario. Da allora ci stanno giorno e notte, mentre  le forze cinesi si sono stabilite in una vicina  scuola.

Un  residente riferisce che soldati e ditta mineraria hanno minacciato  di “aprirsi la  strada con  la forza”. Altri raccontano che l’esercito ha  circondato i dimostranti, stendendo  un  cordone  per isolarli dal villaggio e bloccando  tutti i telefoni fissi e cellulari. Un altro abitante spiega che i buddisti  tibetani “vogliono resistere anche  a costo di sacrificare le loro vite per proteggere le colline sacre”.

Per giustificare l’occupazione  militare del Tibet del 1959, Pechino ripete che  ha liberato la popolazione da un’oppressiva monarchia  feudale e ha portato prosperità. Ma i tibetani rispondono  che le autorità cinesi  non rispettano  i loro  usi e cultura e che dei vantaggi economici godono  soprattutto ditte cinesi e immigrati etnici han.

 

da Asia News

26/05/2009 14:12

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.