Carne di maiale avvelenata con metalli pesanti diffusa sul mercato

Nella zona di Zhentou, dove una fabbrica ha inquinato l’ambiente e avvelenato i residenti con metalli pesanti, è stata ordinata la distruzione di prodotti agricoli e bestiame. Ma c’è timore che parte del bestiame sia finito in commercio. Ora la Cina teme che il bestiame e i prodotti agricoli della zona intorno all’impianto Chimica Xianghe, a Zhentou (Hunan), inquinata a livelli mortali, sia stato distribuito per il consumo, invece che essere distrutto.L’impianto chimico per anni ha diffuso nell’ambiente metalli pesanti quali indio e cadmio, in quantità mortale. Nella zona ci sono già stati almeno 5 morti e oltre 500 malati accertati e il terreno è considerato inadatto alla coltivazione per almeno 60 anni.Fonte: AsiaNews

Per anni i residenti hanno denunciato l’inquinamento e le autorità locali hanno messo tutto a tacere. Quando è scoppiato lo scandalo a luglio, le autorità hanno ordinato la distruzione di prodotti agricoli e bestiame in un raggio di almeno 500 metri dalla fabbrica. Nel villaggio di Puhua, vicino alla fabbrica, i maiali esaminati sono risultati pieni di cadmio. Per placare le proteste dei contadini, i funzionari hanno loro pagato i prodotti a prezzo di mercato.

Ma ora i contadini spiegano che diversi maiali e pollame non sono stati abbattuti, ma portati via dal proprietario di un vicino allevamento. Essi dicono che hanno visto distruggere parte del grano, ma che parte è stato portato via.

Anche nel vicino villaggio di Shuangqiao polli e maiali sono stati portati via, invece di essere abbattuti sul posto.

L’intero Paese si interroga su cosa abbiano davvero fatto i funzionari incaricati, e temono una nuova dimostrazione di disinteresse per il bene pubblico.

Fonte: Asia News

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.