Cao Shunli, attivista dei diritti umani cinese muore in prigione dopo che le sono state negate cure e assistenza medica

L’attivista cinese per i diritti umani, Cao Shunli, 52 anni è, morta in carcere nel mese di febbraio.

Arrestata a settembre 2013 mentre cercava di spostarsi a Ginevra per seguire un programma di formazione sui diritti umani e accusata di opposizione al Governo per aver organizzato un sit in di protesta contro la violazione dei più elementari diritti nel suo paese, è stata incarcerata.

Nella foto Cao Shunli

Per i sei mesi che sono seguiti all’arresto, pur essendo gravemente ammalata di tubercolosi, cirrosi epatica e fibromi uterini, le sono state negate cure e assistenza medica per ordine delle autorità: è morta dopo sei mesi di prigionia nel più completo abbandono.

La notizia del decesso è stata comunicata oggi, proprio mentre la Cina siede al tavolo del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, riunito a Ginevra e di cui è entrata a far parte nel mese di novembre.

Amnesty International ha chiesto alle autorità cinesi di garantire ai detenuti politici i trattamenti sanitari necessari e di porre fine alla pratica illegale e disumana che utilizza lo stato di malattia come uno strumento di pressione, ricatto e vessazione.

Radio Free Asia, 14/03/2014

English version,click here:
Chinese Rights Activist Cao Shunli Dies After Being Denied Medical Care

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.