Brescia merce fuorilegge: chiuso il bazar cinese

Gli agenti della Guardia di Finanza hanno messo i sigilli a un locale gestito da immigrati cinesi: oltre 140mila gli oggetti presenti.

Chiusura immediata dall’esercizio e multa salatissima in arrivo: costerà caro al gestore di un bazar cinese di Mazzano il sopralluogo effettuato dagli agenti della Guardia di Finanza, portati sulle tracce del negozio da una specifica attività investigativa tesa all’emersione dell’illegalità.

Merce priva della necessaria indicazione di provenienza, della tipologia di prodotto, dei materiali impiegati, delle istruzioni, delle precauzioni e delle destinazioni d’utilizzo. Lunghissima la serie di mancanze riscontrate nei prodotti in vendita nel bazar chiuso dalle Fiamme Gialle. Nel negozio, che vende oggetti, capi di abbigliamento ed accessori, sono stati contati complessivamente 146.234 oggetti pronti per la vendita.

Tra i vari prodotti sequestrati nel negozio ci sono anche giocattoli, piccoli elettrodomestici e rasoi, oggetti che se non correttamente funzionanti possono causare danni anche seri a chi li acquista. Le irregolarità riscontrate comporteranno una sanzione pecuniaria che può andare da un minimo di 516 fino a un massimo di 25.823 euro.

Brescia Today,14 ago 2016

 

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.