- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Blatte e topi tra gli alimenti a Massa i Nas chiudono il ristorante “La Grande Cina” . Sospesa anche una gelateria.

I carabinieri del Nas hanno sequestrato circa un quintale di cibi mal conservati o tenuti in ambienti sporchi e infestati da animali.

Foto: da IL TIRRENO

Tre locali controllati, due chiusi all’esito dell’ispezione, sanzioni per 6.500 euro complessivi e sequestro di 100 chili di alimenti mal conservati o tenuti in ambienti sporchi e infestati da animali vivi ma anche morti: è il risultato dei controlli che hanno portato il nucleo antisofisticazioni e sanità (Nas) dei carabinieri di Livorno sul litorale apuano, tra le marine di Massa e di Carrara.

Particolarmente critica la situazione rilevata in un ristorante etnico a Marina di Massa, dove i militari del Nas hanno scoperto ambienti in condizioni igienico-sanitarie definite pessime, “con presenza di sporco diffuso in tutti gli ambienti, evidenze di animali infestanti vivi e morti sul pavimento e a ridosso delle attrezzature”. I carabinieri hanno chiesto l’intervento del personale della Asl, con cui hanno proceduto a disporre l’immediata chiusura del locale e la sospensione dell’attività, elevando sanzioni per 4.500 euro con blocco sanitario di circa 50 chili tra carne e pesce privi di tracciabilità.

Il ristorante, secondo i militari dei Nas, era in «pessime condizioni igienico-sanitarie». Era sporco, molto sporco. C’erano blatte ovunque, vive e morte. … Per questo l’attività, il ristorante la Grande Cina, sul lungomare di Marina di Massa, è stata chiusa immediatamente e il titolare è stato sanzionato (fonte: IL TIRRENO [1])

Altri 50 chili di cibo sono stati sequestrati sempre a Marina di Massa ma in una pizzeria: qui i carabinieri del Nas hanno rinvenuto prodotti congelati anche in questo caso privi di tracciabilità e destinati ad arrivare sul piatto dei clienti. Al titolare è stata elevata una sanzione di 1.000 euro.

L’altra attività chiusa è invece a Marina di Carrara, e si tratta di una gelateria il cui titolare dovrà pagare una multa di 1.000 euro per aver mantenuto i locali dell’attività in precarie condizioni igienico-sanitarie per la presenza di animali infestanti. Anche in questo caso i carabinieri hanno chiesto l’intervento del personale Asl, con cui è stata disposta l’immediata chiusura dei locali e la sospensione dell’attività.

Fonte: Massa Carrara news, 05/07/2021 [2]