BIRMANIA: Cinque monaci buddisti sono stati rilasciati dopo essere stati incarcerati illegalmente e obbligati a smonacarsi

RANGOON – Cinque monaci buddisti sono stati rilasciati dopo essere stati incarcerati illegalmente e obbligati a smonacarsi a seguito di un raid al Monastero Maha Santi Sukha di Rangoon il 10 giugno, ma sono ancora in stato di accusa.

Ne da notizia The Irrawaddy Magazine che è considerato come una delle testate giornalistiche più importanti che si occupano di sviluppi politici, sociali, economici e culturali in Birmania

I monaci sono stati liberati il 20/06/2014 e riordinati dopo che centinaia di migliaia di fratelli monaci volevano organizzare proteste contro questo sacrilegio coordinati dal monaco buddhista U Wirathu Secondo le regole monastiche le autorità laiche non possono obbligare i monaci a smonacarsi. Per i buddhisti questo arresto con lo smonacamento è un insulto contro il buddhismo

Nella foto i monaci, vestiti di polo bianche, escono dal tribunale di Rangoon Venerdì. (Foto: Sai Zaw / The Irrawaddy)

Questo arresto ha lo scopo di colpire monaci attivisti per la democrazia.

Il tribunale di Tamwe Township, Rangoon Division, ha rilasciato i cinque monaci su cauzione che erano detenuti nel famigerato carcere di Insein. La cauzione per ogni imputato è stato di 20 milioni kyats (US $ 20.000).

Più di 100 sostenitori dei monaci si riuniti presso il tribunale per ascoltare l’annuncio, avvenuto il giorno stesso che il ministro per gli affari religiosi del paese è stato sollevato dal suo incarico con l’accusa di non aver rispettato i suoi doveri e di corruzione.

Aye Cho, un avvocato dei cinque monaci, afferma che i suoi clienti erano stati accusati di adunanza sediziosa in luoghi di culto e suscitava motivi di preoccupazione e turbamento. Le pene detentive per questo tipo di reato sono tra uno e due anni.
Il raid sul monastero Maha Santi Sukha di Rangoon è diventato uno scandalo in Birmania, un paese a maggioranza buddista. I cinque monaci sono accusati di abitare illegalmente il tempio.

Tra monaci arrestati, E U Ottara  (58 anni) un monaco attivista, fuggito dalla Birmania e ora è cittadino britannico . Ha partecipato a attività interreligiose e per la pace. E uno dei monaci buddhisti più important in Inghilterra. Fa parte del (IBMO) International Burmese Monks Organization dei Monaci attivisti per la Democrazia. U Uttara viaggia molto attraverso la Birmania, dopo che sono cominciate le riforme 3-4 Anni fa.

Gianni Taeshin Da Valle, Laogai Research Foundation,21/06/2014

The Irrawaddy Magazine:
Five Monks Released From Prison After Threat of Mass Protest

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.