Birmania – Leader religiosi birmani: Combattiamo la povertà per fermare le violenze confessionali

È l’invito contenuto nel documento finale della Conferenza interreligiosa di pace a Yangon. I leader delle cinque principali fedi del Paese chiedono anche di “rafforzare il livello di istruzione” e potenziare l’identità nazionale in chiave “multi-confessionale”. Necessario inoltre un “confronto frequente” nel “rispetto reciproco”.

Yangon – La povertà è una delle cause più “sintomatiche” dei conflitti e i leader religiosi birmani devono “operare assieme” per il bene e l’interesse reciproco; al contempo bisogna rafforzare il livello di istruzione per potenziare “l’identità nazionale” in chiave “multi-confessionale”.

È quanto affermano i vertici delle cinque più importanti religioni in Myanmar, nel comunicato finale della conferenza interreligiosa di pace che si è tenuta a inizio mese a Yangon. All’evento hanno aderito 226 partecipanti, fra cui funzionari governativi birmani, studiosi, leader religiosi provenienti da tutto il mondo e oltre 200 osservatori. “Questo dialogo – hanno concluso i firmatari del documento – è solo l’inizio dell’inizio e […] deve assumere una corrispondenza pratica prima di tutto a livello locale”.

L’1 e il 2 ottobre si è tenuta a Yangon la Conferenza interreligiosa dedicata alla pace, all’armonia e alla coesistenza pacifica, organizzata dall’Institute for Global Engagement e dal Sitagu International Buddhist Academy (Siba). All’evento hanno partecipato leader buddisti, indù, cristiani, musulmani ed ebrei. Obiettivo comune, un maggiore impegno per la pace nel Paese. Particolare attenzione è stata dedicata alle aree critiche, fra cui lo Stato occidentale di Rakhine teatro dal giugno 2012 di violenze interconfessionali fra buddisti e musulmani Rohingya. Tuttavia, a fronte dei buoni propositi la situazione nell’area ovest della nazione resta critica e continuano gli episodi di violenze, con vittime e feriti.

In un quadro tuttora contraddistinto da attacchi e sospetti, si fa più pressante e urgente l’invito dei leader religiosi alla pace e alla convivenza reciproca. Per la Chiesa cattolica birmana era presente l’arcivescovo di Yangon mons. Charles Bo. Il prelato ha chiesto di “mandare un segnale forte a quanti vogliono piantare il seme della discordia” nel Paese e costruire insieme un Myanmar “del futuro che sia fondato sulla giustizia, sulla pace e la collaborazione fraterna”.

Nel documento finale, i leader religiosi riconoscono la necessità di un “confronto frequente” all’insegna del “rispetto reciproco”; pace e sicurezza sono due “fattori indispensabili”, per i quali devono contribuire “tutte le religiosi” perché senza di essi “nessuna fede è in grado di prosperare”. Altro elemento imprescindibile per la convivenza è la “sicurezza” e il raggiungimento di un “terreno comune” che dia attuazione concreta all’ideale di “unità nella diversità”.

I rappresentanti delle cinque fedi intendono costruire “ponti” per attuare “nel concreto” il proposito di una società multi-etnica e multi-confessionale; per far questo è necessario “coinvolgere i giovani e le donne”, affidando loro risorse e responsabilità. Infine, resta “essenziale” il ruolo dei media, di una educazione “moderna” e che risponda ai principi della “morale” e della virtù.

di Francis Khoo Thwe,AsiaNews.11/10/2013

English Version:
http://www.asianews.it/news-en/Burmese-religious-leaders:-fight-poverty-to-stop-sectarian-violence-29251.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.