Birmania: I bambini della strada vittime della povertà e degli sguardi indifferenti delle autorità.

RANGOON – Denuncia di  un istitutore che si sta impegnando per migliorare  la situazione drammatica e di degrado dei bambini della strada in Birmania. I bambini sono spesso più interessati a guadagnare del denaro piuttosto che stare seduti in una classe.

Nella foto un bambino della strada che vende scope

L’ex insegnante Aye Aye Thin della Università dell’Educazione di Yangon afferma che l’estrema povertà porta i genitori ad indirizzare i loro figli verso il mondo del lavoro e non verso l’istruzione ed educarli non è un compito facile. I bambini sono spesso più interessati a guadagnare del denaro piuttosto che stare seduti in una classe.

Decenni di povertà in Birmania, e l’ignoranza di molti genitori circa le loro responsabilità nei confronti dei figli hanno causato l’allontanamento di molti giovani a livello nazionale dalla istruzione scolastica.

L’ex insegnante Aye Aye Thin si sta adoperando per permettere ai bambini della strada di avere una istruzione. Dirige un progetto denominato “ Borse di studio per i bambini della strada ”(o SSK). Una altro scopo di questo programma è quello di fornire una formazione professionale.

Prima di iniziare questo progetto è stata condotta una indagine tra i bambini lavoratori del Paese per valutare le loro esigenze.E’ emerso un quadro agghiacciante.

Il lavoro che svolgono per la loro età è estremamente duro e devono lottare per la loro sopravvivenza, presentano problemi psicologici. Lavorano come camerieri di tea-shop, operai,netturbini , lavoratori domestici,ecc.

Secondo i dati ufficiali dal 2012 oltre 1 milione di studenti tra i 6-10 anni hanno abbandonato la scuola pubblica e la situazione drammatica in cui si trovano a molti è sconosciuta.

La maggior parte delle donazioni in Birmania va a istituzioni religiose, e l’educazione monastica spesso riceve aiuto da persone caritatevoli. Ma la sua organizzazione (SSK ) è uno dei gruppi guidati da esperti di educazione e si concentra sulle problematiche dei bambini.

Uno dei tanti bambini ascoltati racconta che è costretto a guadagnare almeno 5.000 kyat al giorno per la sopravvivenza dei suoi cinque familiari.

I netturbini dice Thin, la cui età varia dai 9 ai 10 anni, ricavano tra i 2.000 kyat e i 5.000 kyat al giorno. Circa 2-4 dollari al giorno.

Noi non siamo in grado di pagare loro tali importi, così come non possiamo fornire a tutti loro la dovuta istruzione. Organizziamo incontri con i genitori regolarmente, ma molti di loro non prestano attenzione alle problematiche dei loro figli.

Oltre alla negligenza dei genitori gli educatori devono affrontare anche l’indifferenza delle autorità locali che non offrono nessuna collaborazione.

Nonostante nel Paese si parli di transizione verso la democrazia. La mentalità delle persone non sono cambiate, e alcune autorità locali non vogliono cooperare con noi.

The Irrawaddy, 30/12/2013

English version:
For the Kids on Burma’s Streets, a Chance for Education

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.