Birmania – Arcivescovo di Yangon ai leader religiosi: costruire insieme un Myanmar di pace e giustizia.

 

di Francis Khoo Thwe

Mons. Charles Bo è intervenuto alla Conferenza di pace che si è tenuta l’1 e il 2 ottobre nella capitale birmana. Presenti leader buddisti, indù, cristiani, musulmani ed ebrei. Il prelato elogia “l’unità nella diversità” e invita a costruire un futuro di prosperità. Nello Stato di Rakhine ancora violenze confessionali, cinque vittime fra i musulmani.

Yangon (AsiaNews) – “Dobbiamo mandare un segnale forte a quanti vogliono piantare il seme della discordia” nel Paese e costruire insieme un Myanmar “del futuro che sia fondato sulla giustizia, sulla pace e la collaborazione fraterna”.

È quanto ha affermato l’arcivescovo di Yangon mons. Charles Bo, nel suo intervento alla conferenza di pace alla presenza dei più importanti religiosi e intellettuali birmani. Il prelato ha ricordato gli insegnamenti del Buddha, improntati alla “compassione non solo per gli esseri umani, ma per tutti gli esseri viventi”; e la testimonianza di Gandhi, indù e promotore della lotta non-violenta. Negli ultimi 60 anni, ha aggiunto mons. Bo, il popolo del Myanmar ha dovuto affrontare “un viaggio nell’abisso della sofferenza”. Grazie a monaci e leader politici come Aung San Suu Kyi, si apre “una nuova era” e “permettere episodi di odio e violenza sarebbe come tradire il sacrificio di migliaia di persone che hanno versato sangue e lacrime per portarci dove siamo oggi”.

L’1 e il 2 ottobre a Yangon si è tenuta una Conferenza interreligiosa dedicate alla pace, all’armonia e alla coesistenza pacifica, organizzata dall’Institute for Global Engagement e dal Sitagu International Buddhist Academy (Siba). All’evento hanno partecipato i leader delle cinque principali religioni in Myanmar: buddisti, indù, cristiani, musulmani ed ebrei.

Obiettivo comune, un maggiore impegno per la pace nel Paese. Particolare attenzione è stata dedicata alle aree critiche, fra cui lo Stato occidentale di Rakhine teatro dal giugno 2012 di violenze interconfessionali fra buddisti e musulmani Rohingya. Il presidente Thein Sein, che in questi giorni ha visitato per la prima volta lo Stato di Rakhine, ha inviato un messaggio ai partecipanti alla conferenza di pace; il capo di Stato assicura l’impegno del governo “a collaborare con le cinque principali religioni”, al fine di “prevenire conflitti etnici o religiosi”.

A fronte dei buoni propositi, la situazione nell’area ovest della nazione resta critica e continuano a registrarsi nuove vittime. È di cinque morti – appartenenti alla minoranza musulmana Kaman che, a differenza dei Rohingya, gode della piena cittadinanza – il bilancio degli scontri avvenuti il primo ottobre nella cittadina di Thandwe. A innescare le violenze, uno scontro verbale avvenuto il 28 settembre scorso fra un tassista buddista e un musulmano. La disputa è degenerata sino all’attacco lanciato ieri da una folla di buddisti, contro la comunità musulmana locale. Ieri il presidente birmano ha incontrato i leader religiosi delle due comunità, ma la tensione resta alta e si temono nuovi scontri.

In un quadro tuttora contraddistinto da attacchi e sospetti, si fa più pressante e urgente l’invito dei leader religiosi alla pace e alla convivenza reciproca. Nel suo intervento mons. Bo ha affermato che il Myanmar è una “nazione benedetta” e ricca di “risorse” e deve tornare a essere quel “luogo invidiato negli anni 50 e 60 da piccole realtà come Singapore”, oggi all’avanguardia. Per questo è necessario “astenersi dal fomentare l’odio con gesti e parole”. Dopo 60 anni di dittatura militare, l’arcivescovo vede spiragli di “opportunità” per un Paese dal “destino condiviso” fra tutti i suoi abitanti. “Uniti possiamo vincere – ha aggiunto il prelato – mentre da soli crolliamo”.

Mons. Bo invita a guardare alle nazioni in “guerra perenne” e che “non ascoltano la voce della ragione, ma si lasciano attrarre dall’odio”. È necessario imparare dagli errori altrui e valorizzare i punti di forza, come “l’unità nella diversità”: “Le nostre tradizioni spirituali – conclude il prelato – scorrono come il nostro grande fiume Irrawaddy, maestoso e perenne. Dobbiamo mandare un segnale forte ai predicatori di odio”, un segnale di pace e armonia secondo le parole di papa Paolo VI alle Nazioni Unite: “Se volete la pace, lavorate per la giustizia”.

AsiaNews, 03/10/2013

English Version:

http://www.asianews.it/news-en/Archbishop-of-Yangon-to-religious-leaders:-build-together-a-Myanmar-of-peace-and-justice-29177.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.