Benedetto XVI continuerà a pregare per la Chiesa in Cina

I cattolici cinesi hanno una “profonda ammirazione e rispetto” per la rinuncia di Benedetto XVI al ministero petrino, una decisione “piena di grande coraggio, umiltà, saggezza e responsabilità”. Vescovi, sacerdoti, religiosi e laici sono convinti che il papa “continuerà a servire la Chiesa attraverso le preghiere e la contemplazione: è un ottimo esempio per tutti noi”.
Dopo un primo momento di smarrimento, alcuni laici cinesi hanno definito la decisione del Santo Padre “saggia e coraggiosa”. Nel suo blog, un sacerdote ha scritto un articolo sulla questione intitolato “Una decisione grande e responsabile”. Nel testo si legge: “Sono stato molto sorpreso, nessuno si aspettava questa decisione. Tuttavia comprendo e rispetto profondamente la rinuncia”. La decisione del pontefice, scrive ancora, “non è solo di grande responsabilità, ma è anche degna del massimo rispetto. Non è necessario continuare a interrogarsi: l’unica cosa che dovremmo fare è rispettarlo e ammirarlo”. Il sacerdote spiega che la decisione del papa viene dalla sua sincerità e dalla sua natura, ed è “in linea con il Codice di diritto canonico”.
Un altro sacerdote dice: “Penso che Benedetto XVI abbia preso una decisione piena di fede. Rinunciare alla guida della Chiesa universale e scegliere di pregare come modo per continuare a servirla è un atto grandissimo. Conoscere i propri talenti e i propri limiti: ecco un ottimo esempio che tutti noi dovremmo imitare”. Lo stesso sacerdote esprime le aspettative per il successore: “Spero che il nuovo papa porti la gioia di Cristo e il suo Vangelo a tutti i popoli. La sua leadership dovrebbe rafforzarci e unirci nell’amore”.
Un vescovo cinese ha seguito con “grande attenzione” la rinuncia: “Considero Benedetto XVI un grandissimo papa. Si è sacrificato per il bene della Chiesa, e rispetto questa decisione. Con i suoi scritti teologici e con la preghiera, continuerà a contribuire alla nostra vita. Dovremmo imparare da lui”.
Una religiosa cinese – che al momento studia teologia a Roma – ricorda un momento particolare di questo pontificato, ovvero quando ha potuto stringere la mano al papa: “Durante un incontro pubblico gli ho detto ‘Santità, siete il benvenuto in Cina’. Lui mi ha risposto con tanta gentilezza ‘Lo spero’. Continuerò sempre a pregare per lui, così come lui continuerà a pregare per la Chiesa in Cina. Possa la libertà religiosa in Cina divenire presto una realtà, insieme alla comunione, alla solidarietà e alla riconciliazione”.
Allo stesso tempo, i cattolici cinesi pregano per il prossimo papa: “Speriamo che possa essere un uomo di preghiera, con la saggezza e la grazia che vengono da Dio, e possa avere il coraggio di affrontare le sfide del secolarismo, guidando la Chiesa verso verità e amore. Nel lungo cammino della vita dei fedeli, il nuovo papa dovrebbe continuare a praticare gli insegnamenti della Caritas in Veritate di Benedetto XVI”.

Fonte: Asia News, 28 febbraio 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.