Bao Tong scrisse sul Tibet in una lettera inviata a Radio Free Asia il 26 Marzo 2008

Un ex alto funzionario Partito comunista cinese chiese al governo cinese di aprire dei  colloqui con il leader spirituale  tibetano in esilio, il Dalai Lama, e considerarli una questione di urgenza.

Bao Tong, ex assistente del defunto  premier Zhao Ziyang che fu espulso, aveva dichiarato  che sia tibetani e i cinesi Han hanno sofferto per mano di una filosofia politica maoista. Ha scritto questo saggio, trasmesso dal servizio di RFA , dalla sua casa di Pechino, dove ha vissuto agli arresti domiciliari dopo il suo rilascio dalla prigione nella scia del movimento del 1989 degli studenti( P.zza Tianamnen).

(Nella foto Bao Tong)

Prendete con seria armonia il dialogo con il Dalai Lama

da Bao Tong

L’incidente di Lhasa (La rivolta pacifica dei monaci il 15 marzo 2008 degenerata in tragedia oltre 100 furono i morti e fu proclamata la legge marziale) ha causato un enorme dolore per tutto il popolo tibetano e di tutta la Cina. Chiunque abbia mai vissuto una grande tragedia storica capirà il significato. Il portavoce del governo cinese ha dichiarato che il tutto è stato orchestrato dal Dalai Lama – premio Nobel per la Pace- da dietro le quinte. Tuttavia, un lettore dall’Europa ha affermato:

“Nessuno qui crede a quello che dice il governo cinese.”

Questa frase è più eloquente che 10.000 parole. Rende le parole del portavoce cariche di significato. Mostra come i lettori comuni sono perfettamente in grado di riflettere ponderatamente e in maniera indipendente e di non credere a quello che dice il governo cinese, ma di utilizzare la propria esperienza come base per decidere cosa pensare.

Solo di recente, il governo ha rilasciato una dichiarazione dicendo che l’esercizio del potere politico dovrebbe avvenire alla luce del giorno.

Questo è successo perché il governo cinese continua a negare la responsabilità per i grandi eventi storici. Nel primi eventi dolorosi di Tiananmen (del 5 aprile del 1976), Deng Xiaoping è stato giudicato il responsabile dell’accaduto . Nei secondi fatti cruenti di Tiananmen (del 4 giugno 1989), Zhao Ziyang è stato il capo espiatorio. Ora, il Dalai Lama è incolpato per gli incidenti di Lhasa. E ‘molto difficile per le persone non fare il collegamento e stabilire che c’è la volontà di mantenere questo tipo di comportamento disdicevole.

Il governo cinese è molto chiuso, e questo è un’altro motivo per le persone a diffidare di esso. Naturalmente ci sono altre giustificazioni per le quali reagiscono in questo modo, bloccare il flusso di informazioni, monopolizzare le notizie, sempre comportandosi come se stessero affrontando un nemico terrificante. Perché hanno impedito ai giornalisti stranieri di effettuare interviste liberamente? Perché era necessario impedire a tutti i giornalisti di fermare la raccolta di informazioni e di opinione e di partire immediatamente?

Il dialogo dovrebbe essere il piano A

Solo di recente, il governo ha rilasciato una dichiarazione dicendo che l’esercizio del potere politico dovrebbe avvenire alla luce del giorno. Prima dei fatti che riguardano Lhasa non è stato concesso nessuna asserzione e le autorità ancora una volta si sono mantenute su questa linea, in qualche modo hanno obbligato a portare nell’ombra i fatti di nuovo, e di tutta la vicenda in una grande scatola nera.

Armonia significa che devi trasformare le spade in vomeri. L’armonia non può fiorire in una società chiusa, e non può essere costruita con la forza. Dovrebbe essere una priorità urgente per aprire un dialogo con il Dalai Lama. Questo dovrebbe essere il piano A. Con il suo impegno per il pacifismo, il Dalai Lama è l’unico leader tibetano con la possibilità di realizzare un accordo di conciliazione tra il popolo tibetano e il popolo cinese Han.

Nel 1950, il segretario del Partito Comunista della Cina nord-occidentale Xi Zhongxun ( padre del presidente Xi Jinping ) ha concentrato tutta la sua esperienza acquisita avendo fatto visita a vari gruppi etnici in Qinghai in una critica pungente – pubblicata dal segretario dell’ufficio di Xinjiang Wang Zhen — di sciovinismo Han. Questo ha avuto un grande impatto sul  pensiero di molta gente.

I tibetani e gli Han sono uniti da uno stretto legame comune quello di essere stati feriti dal solito nemico: “questa letale filosofia maoista della lotta politica.”

La filosofia di lotta politica di Mao Zedong, il malvagio di turno. Quella è stata una cosa crudele, che ha portato il disastro sulle teste del popolo tibetano, oltre a distruggere una vita normale per gli stessi cinesi Han. Da questo punto di vista, i tibetani e Han sono legati e sono stati feriti da un nemico comune: questa letale filosofia maoista della lotta politica.

Non voglio vedere una tragedia in stile Cecenia ri-emanata in Tibet nel perseguimento di un ossessione stalinista con l’unità. La direzione centrale del partito a Pechino ha fatto dell’ “armonia” la loro missione. Credo che la pietra filosofale sarà rivelata a coloro che sono sinceri.

Tutto  quello che deve fare il governo centrale è di  sedersi con il Dalai Lama e parlare con lui, per mostrare un po ‘di saggezza,  con la giusta visione e  determinazione,l’incidente Lhasa può essere risolto in modo adeguato. Un po ‘di duro lavoro ora ci potrebbe portare a un futuro di pace, annunciando una nuova era di cooperazione tra i popoli cinesi tibetani e Han.

Versione italiana rivisitata  e ampliata da Gianni Taeshin Da Valle , LRF Italia Onlus, 30/11/2013

The Original English Version,
http://www.rfa.org/english/news/china_baotong-20080326.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.