A Bank of China il 2% di Mediobanca. Dopo le quote in Fiat, Telecom, Eni ed Enel un altro passo della Cina in Italia

Bank of China detiene il 2% del capitale di Mediobanca. Lo comunica la Consob. Il titolo Mediobanca è oggi in forte rialzo a Piazza Affari, così come l’intero comparto, trascinato dai rumor secondo cui la Bce potrebbe inziare ad acquistare corporate bond.


La partecipazione in Mediobanca non è la sola. In estate l’utility cinese State Grid ha investito 2,1 miliardi per rilevare il 35% di Cassa depositi e prestiti Reti (la holding che controlla Snam e Terna). Allo stesso tempo la People Bank of China ha acquistato partecipazioni intorno al 2% in Fiat

A livello industriale la presenza della Cina si fa sempre più nevralgica in Italia. Nei giorni scorsi sono stati siglati 14 accordi per 8 miliardi dai premier di Italia e Cina – Matteo Renzi e Li Keqiang – durante il Business Forum di Roma, sotto gli auspici di Confindustria e Ice

L’alleanza più rilevante è quella fra Cdp e China development bank. Li Keqiang ha prospettato un aumento degli investimenti cinesi nel made in Italy, e Renzi ha salutato il nuovo interesse per l’Azienda-Italia dei grandi investitori internazionali.

Il Sole 24ore, 21/10/2014

English version, click here: Chinese central bank has 2% of Mediobanca – update 2

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.