Banche cinesi vicine al collasso. Timori per una crescita zero

Le quotazioni delle banche cinesi sono scese a livelli molto bassi, facendo temere un collasso che potrebbe azzerare la crescita del Paese. È quanto emerge da una notizia diffusa oggi da Bloomberg, secondo cui l’indice Msci del settore finanziario cinese è sceso questo mese del 24%, molto di più di tutte le banche europee, americane e giapponesi. Il problema è molto grave, anche se negli ultimi 12 mesi l’indice ha registrato 104 miliardi di dollari in guadagni. I guai per le banche cinesi derivano da prestiti insolvibili offerti ai governi locali; dai prestiti fatti per sostenere il boom edilizio che ha lasciato il 50% delle case costruite invendute; dal rallentamento del crescita economica mondiale, che penalizza le esportazioni cinesi in Europa e Stati Uniti. Nel 2008, all’inizio della crisi dei crediti Usa, la Cina ha sostenuto la sua economia con un pacchetto di aiuti alle banche, ai governi locali e all’industria cinese di circa 4mila miliardi di dollari. Questo ha portato a una maggiore sovraesposizione delle banche cinesi e a una forte inflazione nel Paese. I governi locali hanno ricevuto finanziamenti, ma la maggior parte delle volte questi sono stati usati solo per creare lavoro, ma senza un vero e proprio piano economico, senza speranze di ritorno del debito contratto. Secondo Jim Chanos, della Kynikos Associates, i debiti insolvibili potrebbero tagliare la crescita della Cina quasi a zero (ora è prevista al 9,5%). L’economia cinesi è anche segnata dal peso del debito sovrano in Europa e dalla stagnazione degli Usa. Entrambe le aree hanno diminuito l’acquisto di prodotti cinesi, minando il volume delle esportazioni da Pechino.

Fonte: AsiaNews.it, 28 settembre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.