Attivista torturato in prigione inizia lo sciopero della fame

Un’attivista per i diritti umani a Guangzhou, imprigionato lo scorso anno per disturbo all’ordine pubblico nella città meridionale cinese, è stato torturato e maltrattato durante la detenzione, spingendolo a rifiutare il cibo in segno di protesta.

Sun Sihuo, meglio conosciuto come Sun Desheng, fu processato il 28 novembre per “disturbo dell’ordine pubblico” insieme all’attivista Yang Maodong, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Guo Feixiong.

I due uomini sono stati trattenuti in detenzione dal 2013, dopo aver partecipato a proteste di piazza per la libertà di stampa e per aver chiesto una maggiore trasparenza dei governi per la tutela dei diritti umani. Il tribunale non si è ancora pronunciato.

L’avvocato di Sun, Chen Jinxue, riferisce che il sua assistito è stato “torturato e maltrattato” durante le procedure disciplinari presso il centro di detenzione. “La sua situazione è piuttosto orrenda”, ha detto Chen a Radio Free. “gli hanno fracassato la testa contro un muro, provocando delle lesioni alla testa. Voleva lamentarsi con la procura di stato, ma non glielo hanno permesso. Sta anche soffrendo degli effetti provocati dall’indossare manette sul braccia e gambe per 15 giorni di fila.”

Sun ha ripetutamente rifiutato il cibo per protestare contro il rifiuto di questo incontro, ma senza alcun risultato.


Radio Free Asia: ‘Tortured’ Guangzhou Activist Refuses Food in Detention Center, 7 Gen 15

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.