Associazione Memores, Ala: convegno del 29 aprile 2010

Ala, 29 aprile. Presso l’Auditorium della Cassa Rurale si è svolto un Convegno organizzato dall’Associazione Culturale “Memores” di Ala. 

Dopo una breve introduzione del Presidente, Massimiliano Baroni, è intervenuto Toni Brandi che ha spiegato al pubblico presente la struttura dei Laogai. La Laogai Research Foundation ha recentemente prodotto due rapporti che confermano come la maggioranza dei campi Laogai cinesi sia molto attiva nell’export, contrariamente alle numerose convenzioni internazionali sul lavoro che vietano lo sfruttamento del lavoro minorile e del lavoro forzato. Danilo Merz, direttore regionale della Coldiretti ha presentato il problema mondiale dell’approvigionamento della popolazione, i danni degli OGM, le importazioni nocive cinesi e l’imperialismo di Pechino che porta il regime a comprare terre agricole in Africa ed altri paesi dove, talvolta, vengono usati detenuti dei Laogai. Toni Brandi ha concluso spiegando le numerose altre violazioni dei diritti umani in Cina, di cui si parla poco oggi per non disturbare i traffici internazionali: le esecuzioni capitali, il traffico degli organi, le sterilizzazioni e gli aborti forzati e la persecuzione di tutte le religioni e di ogni dissenso. A oggi, almeno tre Vescovi cattolici sono ancora in mano alla polizia comunista cinese e nonhanno notizie. Quest’altra faccia della Cina provoca non solo problemi etici ma anche materiali ed economici poichè l’importazione di prodotti, spesso nocivi, del lavoro forzato causa disoccupazione, bancarotta di imprese e cassa d’integrazione. La Fondazione Laogai sta lavorando ad una legge che vieti il commercio e l’importazione dei prodotti del lavoro forzato.

La redazione, 30 aprile 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.