Arrestati minatori dello Zambia: hanno ucciso il loro capo cinese che non li pagava

Dodici persone, fra cui alcuni minatori, sono stati arrestati dalla polizia dello Zambia per l’uccisione del manager cinese a capo della miniera di carbone in cui lavoravano. Il manager era conosciuto per il suo pugno duro verso i minatori e perché ritardava il pagamento dei loro salari. La polizia ha precisato che fra le dodici persone arrestate vi sono anche persone gente del villaggio che si è unita ai minatori per “fare giustizia”. Wu Shengzai, 50 anni, è morto colpito da un carrello che è stato spinto contro di lui mentre cercava di fuggire in una galleria. L’incidente è avvenuto a Sinazongwe, a 325 km da Lusaka. I sospettati che hanno spinto il carrello sono fuggiti e non sono fra gli arrestati. I minatori avevano deciso di dimostrare perché il manager dava loro un salario più basso di quello minimo stabilito dalla legge (220 USD). La miniera Collum, di proprietà cinese, è famosa per le tensioni. Nel 2010 due manager sono stati accusati di aver sparato contro un gruppo di minatori che – anche allora – dimostravano per avere paghe più alte.  In seguito le accuse sono state ritirate, anche se erano stati feriti undici minatori. Le miniere di rame e di carbone sono fra le principali industrie dello Zambia. La Cina ha investito in questo campo oltre 400 milioni di dollari Usa. Ma lo stile con cui tratta i locali è sempre fonte di tensione con la popolazione.

Fonte: Asia News, 7 agosto 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.