Arrestati gli impiegati del governo per l’uccisione del bambino oltre la quota del figlio unico

Il segretario locale del Partito comunista, di nome Bai,  e un autista di nome Cheng, sono stati arrestati dalla polizia per aver investito un bambino di 13 mesi. I suoi genitori stavano per essere caricati su un furgone e portati in prigione per aver violato la legge del figlio unico.
La tragedia è avvenuta il 4 febbraio scorso, nel villaggio di Mayu, vicino a Wenzhou (Zhejiang). Secondo il resoconto di Xinhua, almeno 11 impiegati dell’Ufficio per il controllo sulla popolazione erano andati a casa di Chen Liandi e Li Yuhong, padre e madre del bambino ucciso, “per cercare di persuadere” i due a pagare la multa per aver violato la quota del figlio unico. Il piccolo di 13 mesi era infatti il terzo figlio.
I mezzi di “persuasione” dell’ufficio sono noti: pestaggi, prigionia, sequestro di beni, rapimenti, multe esose.
Chen Liandi, il papà del bambino, ha dichiarato che i rappresentanti governativi esigevano “dai 30 ai 40mila yuan” di multa, altrimenti avrebbero dovuto passare tempo in prigione. Trentamila yuan sono circa il reddito annuale di un buon operaio specializzato; e circa 10 anni di reddito di un povero contadino.
Nel tafferuglio che ne è nato, il piccolino è sgusciato via e il capo locale del Partito, insieme al suo autista, lo hanno investito con la loro auto. Inutile anche il tentativo di salvarlo da parte del padre, che si è ferito nell’operazione.
Il bambino è morto poco dopo in ospedale. Migliaia di abitanti di Mayu si sono riversati in strada e hanno manifestato davanti agli uffici del governo.
La legge sul figlio unico è molto odiata in Cina perché offende la cultura tradizionale, che ama le famiglie numerose, e perché è applicata con violenza, perfino con aborto forzato fino a nove mesi e con sterilizzazioni forzate. Molti demografi cinesi mettono in guardia sul pericolo del troppo veloce invecchiamento della popolazione e sulla mancanza di forza lavoro giovane. Nonostante ciò, il governo continua a praticare tale legge, che ha “evitato alla Cina 400 milioni di nascite” in questi ultimi 30 anni.

Fonte: Asia News, 7 febbraio 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.