Appello di Reggie Littlejohn per non ignorare Chen Guangcheng

Women Right’s Without Frontiers ha saputo da fonte certa che dal 26 Ottobre è uscito il film “21 and Over” nella città di Linyi, in Cina. Proprio nella città in cui l’eroico attivista cieco Chen Guangcheng versa in condizioni precarie di salute: è in lotta tra la vita e la morte per le violenze subite

dalle autorità da quando ha avuto il coraggio di denunciare che proprio a Linyi, nel 2005, 130.000 donne sono state costrette ad abortire e sono state sterilizzate contro la loro volontà.

Secondo un comunicato stampa di Relativity Media il gigante americano della cinematografia che ha lanciato “21 and Over”, il film è una commedia molto divertente di Jon Lucas e Scott Moore: due amici d’infanzia convincono il loro più caro amico a festeggiare il suo ventunesimo compleanno la sera prima di un importante colloquio di ammissione a una scuola di specializzazione in medicina. La festa deborda nel caos e nella dissolutezza con conseguenze indimenticabili per tutti.

Reggie Littlejohn nota che Relativity Media e Sky Land, che sono associati nel sostegno a questo film, sono altresì legati alla SAIF Partners e alla IDG China Media, partecipate dalla International Data Group of Boston, insieme alla Huaxia Film Distribution Company, un’agenzia ufficiale del Partito Comunista Cinese. I produttori sono la Mandeville Films’ David Hoberman e Todd Lieberman, insieme alla  Sir Richard Branson’s Virgin Produced.

E allora Reggie si chiede come mai proprio la città di Linyi, tra migliaia di altre possibilità, sia stata scelta per l’uscita del film. Non sarà per dare uno schiaffo a Chen Guangcheng e ai diritti umani in Cina, certo. E certamente Relativity Media non sa che mentre si proietta la loro commedia super-divertente, un eroe dei diritti umani muore di fame e di maltrattamenti sotto il loro naso.

La Littlejohn, allora, invita all’azione: se Relativity Media ha a cuore la giustizia sociale  e i diritti di libertà di ogni essere umano, sospenda immediatamente la proiezione di “21 and Over” a Linyi, per Chen Guangcheng.

Se questo appello viene ignorato, Women’s Rights Without Frontiers propone di boicottare il film in tutti i paesi del mondo dove arriva la sua voce.

Noi ci associamo a Reggie e chiediamo ai nostri lettori, sostenitori e amici di seguire la vicenda e di non andare a vedere quel film finché non sarà chiarita.

FRP

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.