Anziana donna uigura muore in prigione nel “campo di rieducazione politico” in Xinjiang

Un’anziana donna uigura è morta per le complicazioni sanitarie dopo essere stata incarcerata in un “campo di rieducazione politico” nella regione autonoma dello XUAR della Cina nord-occidentale. Dall’aprile 2017, gli uiguri accusati di nutrire “opinioni religiose forti” e opinioni “politicamente scorrette” sono stati incarcerati o detenuti in campi di rieducazione nello Xinjiang, dove membri del gruppo etnico si lamentano da tempo per la pervasiva discriminazione, la repressione religiosa e la soppressione culturale sotto il dominio cinese.

Una fonte ha recentemente riferito che l’anziana donna uigura è morta in seguito all’impossibilità di far fronte alle pressioni e alle terribili condizioni della struttura. Non è stata in grado di fornire il nome o l’età della donna, ma ha detto che era uno degli oltre 20 parenti di un fornaio di Bayanday di nome Sawurjan, i cui due figli gestiscono una panetteria in Egitto.

Tutti i parenti di Sawurjan sono stati detenuti e inviati per la rieducazione a causa delle connessioni dei figli all’estero, ha aggiunto.

Gran parte dell’ incertezza sul destino della donna deriva dalla segretezza del processo di internamento della rieducazione, che non rientra nel sistema giudiziario e, a differenza delle sentenze giudiziarie, non viene riportato dai media locali o statali, entrambi strettamente controllati in Cina.

Detenuti anziani

Rapporti indicano che le autorità non hanno limiti di età per incarcerare gli uiguri nello XUAR e innumerevoli persone anziane sono detenute in campi di rieducazione in tutta la regione, molti dei quali sono stati presi di mira per aver partecipato ad un pellegrinaggio alla Mecca o sono funzionari in pensione che si sono uniti ad una comunità di moschee locali come parte della loro fede islamica. Altri dopo aver parlato della detenzione dei loro familiari.

Le fonti dicono che gli anziani che affrontano  diete povere, condizioni igieniche nelle strutture spesso sovraffollate, circostanze che possono portare a gravi complicazioni per le persone già vulnerabili a problemi di salute associati con l’età.

A gennaio, fonti hanno detto a RFA che i centri di detenzione di Korla (Kuerle), sede della prefettura autonoma del Xinjiang, sono “completamente pieni” e hanno allontanato i detenuti perché non potevano accoglierli.

Una fonte ha citato un amico che è stato ammesso in un campo della zona che descrive le celle, che in precedenza avevano ospitato 8 persone, ospitare 14 detenuti e che “non avevano i cuscini” e “dovevano sdraiarsi sui fianchi perché non c’era abbastanza spazio.

Rete del campo

Le autorità del governo centrale della Cina non hanno riconosciuto pubblicamente l’esistenza di campi di rieducazione nello XUAR, e il numero di detenuti custoditi in ogni struttura rimane un segreto strettamente custodito.

Maya Wang della Human Rights Watch di New York ha riferito al Guardian che le stime sono arrivate a 800.000, mentre almeno un gruppo di esuli uiguri stima che fino a 1 milione di uiguri siano stati detenuti in tutta la regione dall’aprile 2017.

Il mese scorso, il senatore statunitense Marco Rubio e il rappresentante degli Stati Uniti Chris Smith, presidente e co-presidente della Commissione esecutiva per il Congresso sulla Cina, hanno invitato l’ambasciatore statunitense in Cina Terry Branstad a raccogliere informazioni sulla detenzione degli uiguri, che hanno definito “la più grande incarcerazione di massa di una minoranza nel mondo oggi”.

La Cina conduce regolarmente raid della polizia nelle famiglie uigure, restrizioni alle pratiche islamiche e i freni alla cultura e alla lingua del popolo uiguro, inclusi video e altro materiale.

Mentre la Cina accusa alcuni uiguri di attacchi “terroristici”, esperti al di fuori della Cina dicono che Pechino ha esagerato la minaccia degli uiguri e che le politiche interne repressive sono responsabili di un’ondata di violenza che ha lasciato centinaia di morti dal 2009.


Fonte: RFA, 27 mag 18

English article: Elderly Uyghur Woman Dies in Detention in Xinjiang ‘Political Re-Education Camp’

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.