Anziana di 92 anni rinchiusa dentro un porcile.[video]

Le immagini di una donna cinese di 92 anni ridotta pelle e ossa e chiusa dentro una porcilaia hanno scosso la Cina. I fotogrammi di un video amatoriale sono state diffuse sui social media cinesi e hanno scatenato l’immediata reazione degli utenti.

Il video è stato girato nella regione autonoma di Guangxi, nella Cina meridionale. L’artefice della denuncia è una residente che vive non lontano dall’abitazione della donna.

L’anziana signora di cui si conosce solo il cognome –Yang – sarebbe stata rinchiusa dentro la gabbia di 10 metri quadrati dal figlio e dalla nuora per diversi anni, costretta a dormire su una panca di legno. A rendere nota la vicenda il giornale locale Southern Morning Post, poi riportata anche dalla BBC.

Non è chiaro se la donna sia stata chiusa lì dentro per una sua chiara volontà, o sia stata costretta a vivere in quelle condizioni disumane. Non è raro assistere in Cina a storie di estrema povertà e di emarginazione sociale, dove a farne le spese il più delle volte sono proprio gli anziani abbandonati o trascurati dai loro figli.

Il video amatoriale girato dalla vicina che documenta le estreme condizioni della donna, mostrandola seduta nel fango accanto alla porta della gabbia chiusa con il lucchetto, è stato poi pubblicato sulla piattaforma di condivisione dei video Miopia.

In sottofondo si sente la donna che si rivolge al figlio e chiede come abbia avuto il coraggio di far vivere la madre così, senza neanche darle del cibo a sufficienza.

Il video è apparso online il 6 gennaio scorso ed è stato visualizzato da oltre 1 milione e ottocentomila utenti. Immediata la reazione degli utenti su Sina Weibo, il noto social cinese, che hanno espresso la loro indignazione.

Decine di migliaia di utenti hanno lanciato l’hashtag #92yearoldkeptinpigsty, definendo i due responsabili come “bestie” o feccia” e chiedendo una qualche “punizione”.

Un’altra ondata di utenti indignati si è abbattuta dopo che il Southern Morning Post il 10 gennaio scorso ha mostrato le immagini del suo corpo ridotto a pelle e ossa, durante un controllo medico.

Tuttavia, il quotidiano locale ha riportato anche la versione del figlio, secondo il quale sarebbe stata la madre stessa a offrirsi di entrare nella gabbia e non dargli alcun peso a causa della sua incontinenza.

Inoltre, i media locali hanno riferito che attualmente la donna è ricoverata nell’ospedale del luogo e che i residenti della zona hanno contribuito ad aiutarla fornendole biancheria e indumenti.

Dopo queste notizie, molti utenti hanno dichiarato di sentirsi sollevati nel sapere che l’anziana stia ricevendo le adeguate cure.

Secondo le autorità cinesi, il figlio e sua moglie sono sospettati di maltrattamenti ma non ci sono prove al riguardo. Nel caso dovesse emergere che sia stata la donna a scegliere di vivere in quel modo, non sarebbe affatto facile accusarli.

Nel 2014, una donna di 90 anni che viveva nella provincia centrale di Henan è morta dopo essere stata sottoposta a condizioni simili.

Negli ultimi mesi, storie simili hanno posto l’accento sul fenomeno dell’abbandono degli anziani da parte dei loro figli sempre più diffuso nel paese.

A novembre 2016, decine di migliaia di utenti hanno reagito con rabbia dinanzi a un video che mostrava un uomo di 62 anni intento a raccogliere gli avanzi nella spazzatura, oppure a mangiare gli avanzi dei ristoranti, in modo da non essere un peso per suo figlio.

Lo stesso mese, un’altra immagine scattata nella città di Jinan, nel nord della regione di Shandong, mostrava una donna di 70 anni impegnata a vendere verdura per tutta la notte, esposta al freddo e al gelo, per aiutare il figlio a comprare casa.

The Post Internazionale,13 gennaio 2017

English article,BBC News: Online fury over Chinese woman, 92, ‘kept’ in pigsty

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.