Animali vivi venduti come portachiavi in Cina. Boom di petizioni internazionali di protesta.[Video]

Se è vero che al peggio non vi è mai fine, il caso dei “portachiavi viventi” è da includere ai pretendenti al titolo.
Sì, perchè come sia stato possibile che a qualcuno possa essere venuto in mente di prendere un animaletto vivo, infilarlo dentro un minuscolo sacchetto di plastica, montarci un gancio colorato e venderlo come portachiavi, rimane un mistero.

Fatto sta che, quel mistero, da qualche anno si è tradotto in un fiorente, quanto sciagurato, mercato che sembra non conoscere crisi alcuna, così come le petizioni internazionali di protesta che si moltiplicano anche on-line. Tartarughineranepesciolini e piccole salamandre. Questi, gli animaletti che, insieme ad un po’ di ossigeno cristallizzato, compongono il portachiavi più desiderato dai bambini.

D’altro canto, come testimoniano le immagini pubblicate da EuroNews, rinunciare ad un simile accessorio è pressochè impossibile. Il pratico gancio poi, lo rende funzionale per ogni occasione. Da semplice portachiavi, a gadget da appendere al telefonino o alla borsa, le funzioni del sacchettino colorato con dentro gli animaletti, possono essere infinite. O quasi.

Già, perchè se proprio si dovesse trovare un difetto, è nella durata. No, non della plastica del sacchetto, nemmeno in quella del gancio. Il problema è nel contenuto. Dopo pochi giorni, i simpatici animaletti, smettono di muoversi. Fortunatamente, il costo del portachiavi è talmente basso, con una banconota da 5 dollari vi danno il resto, che acquistarne un altro è un gioco da ragazzi. E poco importa se, anche quello nuovo, si romperà presto. Forse ci vorrebbero degli animali più resistenti.

D’altronde, passare dalla serratura della macchina a quella di casa e dell’ufficio e poi, dalla borsetta al telefono fino al sole accecante ed al buio improvviso e dal caldo al freddo in un battibaleno, per una tartarughina appena nata, non deve essere scherzo. Già, magari lo fosse.

 

Fonte: Il Messaggero,06/05/2019

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.