Ancora schiavi-bambini nelle fabbriche di mattoni in Cina

Sono rapiti e portati lontano, venduti per 30 euro, pestati e costretti a lavorare. La polizia dedica poca attenzione alle denunce dei genitori, che sono costretti a cercare da soli i figli per tutto il Paese. “Guo Jiyong, il figlio di Zhang Aihua, era a Zhengzhou per vendere spuntini e portare i portapranzo ai cantieri edili. Tre uomini lo hanno accostato, gli hanno coperto la bocca e l’hanno messo in un sacco, gettato nel retro di un camion e venduto a una fabbrica di mattoni… [I rapitori] vendono una persona a 300 yuan (30 euro). Rapiscono anche 7-8 persone al giorno”. Wang Changyi, contadino dell’Henan cui hanno rapito il figlio, racconta all’agenzia Radio Free Asia come sia fiorente in Cina il traffico di schiavi. E come nulla sia cambiato dopo lo scandalo esploso nel giugno 2007 per l’uso di schiavi nelle fabbriche di mattoni nello Shanxi e nell’Henan.Guo è stato costretto a lavorare per due anni e mezzo in una fabbrica illegale di mattoni a Nanyang. Ha visto pestare a morte chi tentava la fuga. Poi una notte è fuggito, con due compagni. I sorveglianti hanno ripreso e ucciso gli altri due. Lui è riuscito a tornare a casa. Racconta che i sorveglianti li picchiavano spesso, al punto che per la paura nemmeno cercavano di parlare con chi veniva nella fabbrica a cercare notizie di altri ragazzi.Fonte : Asia News

Liu Wenjie, 15 anni, pure figlio di contadini, è stato liberato da una fabbrica di mattoni a Kaifeng (Henan). Spiega che “se lavoravi tutto il giorno, non ti picchiavano. Dovevi iniziare la mattina appena sveglio, fermarti solo per il pranzo e continuare il lavoro fino a notte fonda”.

Wang dice che centinaia di bambini sono stati rapiti in città come Zhengzhou, caotici punti di raccordo di ferrovie e pullman.

Nel giugno 2007 esplose lo scandalo di centinaia di persone trovate schiave nelle fabbriche di mattoni in Shanxi, Henan e altrove, costretti a lavorare tutto il giorno senza paga e con scarso cibo, pestati a sangue per ogni motivo. Allora sono intervenute le massime autorità, i media ufficiali hanno parlato di oltre 55mila poliziotti impegnati a ispezionare migliaia di fabbriche, liberando quasi 600 “schiavi”, tra cui molti minori e infermi mentali. Sono state arrestate centinaia di persone e celebrati processi con condanne esemplari. Ma poi nulla è cambiato. Oggi i genitori lamentano l’indifferenza della polizia, che non cerca i figli e talvolta non interviene nemmeno quando la chiamano per controllare una fabbrica: come è successo a Miao Lisong che aveva scoperto una fabbrica illegale a Yongji. I genitori si riuniscono in gruppi e iniziano a cercare i figli nelle molte fabbriche illegali del Paese.

Wang e la moglie non si arrendono. Dice che “noi abbiamo un solo figlio. Non possiamo averne un altro, perché mia moglie è stata sterilizzata. Lo cercheremo per tutta la vita”.

Fonte : Asia News

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.