Altri due tibetani si auto-immolano contro l’oppressione cinese

Altri due giovani tibetani si sono dati fuoco per protestare contro l’oppressione di Pechino. Dendup Gopchep (v. foto), 30 anni, monaco della comunità tibetana in esilio in Nepal, ha compiuto il suicidio durante le manifestazioni per il capodanno lunare organizzate davanti alla stupa di Boudhanath. Il giovane è morto questa notte nell’ospedale di Tribhuwan (Kathmandu). Egli è il secondo membro della comunità tibetana in esilio a immolarsi per libertà del Tibet.
Lo scorso 3 febbraio un ex monaco del monastero di Kirti si è dato fuoco vicino a una stazione di polizia nella prefettura di Aba (Sichuan, Cina meridionale). Lobsang Namgyal, 37 anni, è morto subito dopo a causa delle ustioni. Nel 2012 il monaco era stato arrestato e picchiato dalla polizia per aver partecipato a una manifestazione anti-cinese.
La notizia è apparsa solo oggi sui media. Secondo fonti locali, prima di cospargersi benzina l’uomo ha chiesto il ritorno del Dalai Lama, augurandogli lunga vita. La polizia ha raccolto i suoi resti e li ha consegnati ai familiari.
Fonti locali affermano che i tibetani nascondono i casi di auto-immolazioni per timore delle autorità cinesi, che controllano tutte le comunicazioni per evitare la fuga di notizie. Dopo la morte di Lobsang Namgyal, la polizia ha arrestato il fratello minore e ha messo sotto stretta sorveglianza i familiari per paura di proteste. Lo scorso 8 febbraio il tribunale del Popolo della provincia nord-occidentale del Qinghai ha condannato  a 13 anni di carcere un tibetano accusato di aver “incitato” un monaco buddista a darsi fuoco contro la dominazione comunista e a favore del ritorno del Dalai Lama in Tibet.
Con  il gesto di Dendup Gopchep e Lobasang Namgyal  i casi di auto-immolazione salgono a 101; di questi, 85 hanno avuto decorso fatale.
Stephanie Brigden, responsabile di Free Tibet afferma che “questo triste traguardo dovrebbe suscitare la vergogna della autorità cinesi…La Cina continua a reprimere tutte le manifestazioni, ma senza alcun risultato. Le auto-immolazioni continueranno finché i tibetani saranno oppressi dal regime”. Per la donna, i leader mondiali hanno smesso di parlare del Tibet perché non vogliono inimicarsi Pechino: “Quante altre persone dovranno morire per spingere la comunità internazionale a fermare la Cina?”.

Fonte: Asia News, 14 febbraio 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.