Alto funzionario cinese: “la repressione dello Xinjiang deve continuare”

 

Wang Yang afferma il trattamento della minoranza uigura è stato fortemente criticato in Occidente, ma “l’alta pressione” deve essere mantenuta.

 

Foto: Wang Yang parla con Xi Jinping. (Wang Zhao / AFP / Getty Images)

Wang Yang  membro del Comitato del Politburo e Presidente della conferenza consultiva del popolo cinese ha affermato  durante una visita del 20-25 marzo nella regione in cui la Cina sta conducendo un controverso programma di de-radicalizzazione che lo Xinjiang  ha bisogno di “perfezionare” le misure di mantenimento della stabilità e reprimere l’estremismo religioso e  che la situazione nello Xinjiang “continua a svilupparsi bene”, ha dichiarato oggi  al Xinjiang Daily.

I critici dicono che la Cina sta gestendo campi di internamento per gli uiguri e  di altre etnie cinesi che vivono nello Xinjiang, anche se il governo cinese li chiama centri di formazione professionale e afferma che ha un reale bisogno di prevenire il pensiero estremista e la violenza.

Il governo cinese non fornisce dati su quante persone ci sono in questi centri. Adrian Zenz, un importante ricercatore indipendente sulle politiche etniche cinesi, ha detto che nel mese di quest’anno circa 1,5 milioni di uiguri e altri musulmani potrebbero essere detenuti nei centri dello Xinjiang, 500 mila in più rispetto alle denunce precedenti.

Wang aggiunge che “le autorità devono perfezionare le misure di mantenimento della stabilità e mantenere alta pressione sulle” tre forze “, ha detto al giornale, riferendosi al terrorismo, all’estremismo e al separatismo . “Attuare correttamente la politica del partito sulle minoranze etniche, contrastare risolutamente e reprimere le forze separatiste etniche.  Contrastare risolutamente e reprimere il pensiero estremista religioso, e allo stesso tempo garantire i normali bisogni religiosi dei credenti in conformità con la legge.”

Il rapporto non menzionava i centri di de-radicalizzazione.

La Cina ha intensificato la propria azione per contrastare le crescenti critiche dell’Occidente e tra i gruppi per i diritti sul pesante programma nello Xinjiang  invitando diplomatici e mezzi di informazione stranieri in viaggi strettamente guidati.

Un portavoce cinese  afferma che tuttavia, gli ambasciatori dell’Unione Europea a Pechino non visiteranno lo Xinjiang questa settimana nonostante abbiano ricevuto un invito del governo, perché un simile viaggio richiede “un’attenta preparazione“.

Un funzionario americano ha detto a Reuters che le visite nello Xinjiang  sono “altamente manipolate”  dal governo cinese e sono stati fuorvianti e hanno diffuso  false informazioni  sulla regione.

Dilxat Raxit, portavoce del principale gruppo esiliato, il World Uyghur Congress, ha dichiarato che l’invito ai funzionari dell’UE è stato un “trucco politico per sviare le attenzioni della  comunità internazionale. Ci auguriamo che i funzionari dell’UE possano sfruttare questa opportunità per chiedere una comprensione approfondita e senza ostacoli della situazione sul terreno e rifiutare il teatrino politico appositamente orchestrato dalla Cina”.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation


Fonte: The Guardian,Reuters,26/03/2019

English version,The Guardian: Xinjiang crackdown must continue, top China leader says 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.