Alluvioni disastrose in Cina: decine di morti, milioni di sfollati

Alluvioni e frane in Cina, causate da una settimana di piogge intense hanno ucciso almeno 57 persone, e hanno obbligato milioni di altre ad abbandonare le loro case. I dati ufficiali forniti dalle autorità parlano di 12 milioni e 300mila persone sfollate nel Sichuan, nell’Henan e nello Shaanxi, nel nord, nel centro e nel sudovest del Paese. Le previsioni affermano che le alluvioni in Sichuan sono probabilmente le peggiori mai avvenute dal 1847. Le alluvioni hanno distrutto grandi estensioni di coltivazioni agricole e hanno ritardato le operazioni di raccolta. Secondo dati provvisori, più di 120mila case sono crollate a causa delle piogge, delle alluvioni e delle frane. Le perdite economiche sono stimate attualmente in due miliardi e 700 milioni di dollari (un miliardo e 900 milioni di euro), ha dichiarato il ministero per gli Affari civili. Oltre alle vittime riconosciute ci sono 29 persone che mancano all’appello. Il governo centrale ha organizzato squadre di soccorso per distribuire tende, coperte e vestiti. Il vicesindaco di Xi’an, la capitale dello Shaanxi, ha dichiarato che una frana il 17 settembre ha colpito un quartiere suburbano, seppellendo una fabbrica di mattoni e un dormitorio per operai, uccidendo 17 persone; altre 15 mancano all’appello. In Sichuan più di 600mila persone sono state evacuate dalle loro abitazioni, dal momento che i maggiori tributari dello Yangtze, il fiume più lungo della Cina, hanno superato tutti i livelli di pericolo.

Fonte: Asia News, 20 settembre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.