Allarme Oms: “esplosione” di influenza suina, governi pronti a intervenire

Nei prossimi mesi vi sarà una “esplosione” nei casi di influenza suina; i governi mondiali devono “accelerare i preparativi”, per garantire una risposta efficace contro la pandemia. È il nuovo allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che, per un gruppo di nazioni, prevede un “raddoppio nei casi ogni tre o quattro giorni” in un arco di tempo “lungo alcuni mesi”, finché verrà raggiunto “il picco dei contagi”.
Gli esperti dell’Oms prevedono che nei prossimi due anni fino a due miliardi di persone – un terzo della popolazione mondiale – potrebbero essere contagiate dal virus H1N1. “Ad un certo punto, assisteremo a una esplosione dei casi” ha dichiarato Shin Young-soo, direttore della sezione Asia-Pacifico dell’Oms, in un simposio medico tenuto a Pechino. “È sicuro che vi saranno più casi e più morti”.
I dati aggiornati al 13 agosto scorso, disponibili sul sito internet dell’Organizzazione mondiale della sanità, riferiscono che dal mese di aprile vi sono stati 182.166 contagi e 1799 morti in tutto il mondo. Più colpito il continente americano – dove sono stati registrati i primi casi – 105.882 contagi e 1579 decessi.Nel Sud-est asiatico i casi sono 13.172 e 106 i morti.
L’agenzia Bloomberg riporta l’allarme lanciato dalle autorità sanitarie della Nuova Zelanda: sono terminati i posti letto e non vi sono infermiere sufficienti per la cura dei malati. Una situazione analoga si verifica in Australia e, con l’arrivo dell’autunno, un simile scenario potrebbe affacciarsi in Europa o negli Stati Uniti, sebbene i ministeri della sanità si stiano adoperando nella produzione di vaccini.
Shin Young-soo sottolinea che “i governi devono agire in modo rapido per educare il pubblico, preparare i rispettivi sistemi sanitari per la cura di molti casi e proteggere i soggetti più deboli”. Fra questi vi sono le donne incinte, gli asmatici, gli affetti da malattie cardiovascolari e diabetici. “Abbiamo poco tempo – ribadisce l’esperto dell’Oms – per raggiungere il livello di preparazione necessario”.
In passato l’Oms ha più volte spiegato che “la maggior parte dei casi di influenza suina non necessita di trattamento”, ma il timore è che un’esplosione nei contagi “possa sovraccaricare le strutture ospedaliere, specialmente nei Paesi poveri”.
Fonte: AsiaNews, 21 agosto 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.