ALCUNI 20.000 EX DETENUTI DEL CAMPO CHE LAVORANO NELLA FABBRICA DI XINJIANG LEGATI AL LAVORO FORZATO.

Circa 20.000 ex detenuti del campo di internamento, secondo un funzionario dell’azienda, stanno lavorando nella filiale della prefettura di Aksu (in cinese, Akesu) di un produttore tessile con sede nella Cina orientale che è stato identificato come parte di un programma di lavoro forzato nella regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR).

Rapporti video, filmati in segreto in Cina e caricati su YouTube il mese scorso da Miradil Hesen, residente nella prefettura di Aksu, hanno evidenziato pratiche di lavoro abusive tra le prove crescenti che i campi di internamento nello XUAR sono passati sempre più dall’indottrinamento politico al lavoro forzato, con i detenuti inviati a lavorare in fabbriche di cotone e tessili.

Nei suoi video, Hesen ha fornito resoconti dettagliati di giovani donne e altri uiguri di etnia uigura della contea di Uchturpan (Wushi) della prefettura che sono costretti a lavorare presso la fabbrica tessile Aksu Huafu 12 ore al giorno, con un solo giorno libero al mese.

Ci sono stanze per i lavoratori, ma i lavoratori devono provvedere al proprio cibo, ha detto Hesen, ora agli arresti nella provincia di Jiangsu, nella Cina orientale, dopo essere stato ricercato dalla polizia per aver scaricato Instagram sul suo telefono cellulare e per aver pubblicato video che criticano la Cina per gli abusi dei diritti.

Gli stipendi percepiti dai lavoratori forzati ad Aksu, che guadagnano solo 1.500 yuan al mese (US $ 220) non sono sufficienti per vivere, e le detrazioni da 40 a 50 yuan (US $ 6-7) vengono rimosse dalla paga dei lavoratori per il tempo impiegato fuori per motivi normalmente non consentiti, ha detto Hesen.

Gli account di Hesen nei video sono stati successivamente verificati dal servizio uiguro di RFA attraverso interviste telefoniche nella regione.

Secondo i materiali disponibili di pubblico dominio, la fabbrica tessile Aksu Huafu è una filiale di Huafu Fashion Co. Ltd., una società registrata nella città di Huaibei, provincia di Anhui; uffici a Shenzhen; e impianti di produzione nella provincia di Zhejiang, Aksu, nella “regione del fiume Giallo-Huai”, nella “regione del fiume Yangtze” e in Vietnam. La filiale di Aksu dell’azienda è composta da fabbriche e laboratori in 12 diverse località della prefettura.

Sulla base delle affermazioni di Hesen, i leader locali della filiale di Aksu hanno collaborato con le autorità di Uchturpan per “alcuni vantaggi” – improbabili economici e politici – condivisi tra le parti e per inviare i detenuti dai campi alle impostazioni di fabbrica per lavorare immediatamente al loro “rilascio . “

RFA ha parlato con un funzionario del Dipartimento di Giustizia di Uchturpan che, quando gli è stato chiesto se fosse stato presente alla firma di un contratto con Huafu per collocare persone provenienti da campi di internamento in posti di lavoro, ha detto di no, sebbene non abbia negato che tale contratto esiste.

Il funzionario ha confermato che Huafu ha una fabbrica nel bazar della contea, ma quando gli è stato chiesto quanti soldi riceve il governo locale per il collocamento di ex detenuti, ha detto che avrebbe discusso la questione solo di persona.

Un secondo funzionario governativo di Uchturpan si è rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda sullo schema quando è stato contattato da RFA.

Dopo diversi tentativi di raggiungere la filiale di Aksu di Huafu, RFA ha potuto parlare con un rappresentante dell’ufficio di Shenzhen, che ha fornito ulteriori dettagli sulle operazioni della società nello XUAR.

“Vuoi sapere quanti dipendenti abbiamo [lì], giusto? … Devono essere circa 30.000 in totale “, ha detto.

Alla domanda se Huafu ha dipendenti nel suo ufficio che sono stati trasferiti dai campi di internamento, il rappresentante ha detto: “non ne abbiamo a Shenzhen”.

Ma le è stato chiesto se l’azienda impieghi persone che sono state portate dai campi nella sua fabbrica nello XUAR, ha confermato che era così.

“Sì, lo facciamo … Devono essere circa 20.000 ad Aksu”, ha detto, anche se ha riconosciuto di non conoscere il numero esatto.

La rappresentante, che ha notato che i lavoratori della filiale di Aksu “filano e tessono filati e materie prime”, ha detto di non essere sicura dei salari e delle condizioni di vita fornite nella fabbrica.

I numeri che ha fornito per quante persone sono impiegate nella fabbrica sembrano essere in linea con le affermazioni fatte da Hesen nei suoi video secondo cui la struttura è una delle più grandi dell’intera prefettura.

Controllo approfondito degli Stati Uniti

L’ultimo di diversi casi di lavoro forzato confermati da RFA segue un anno di controllo approfondito degli Stati Uniti sulla vasta rete di campi di Pechino nello XUAR, dove si ritiene che le autorità abbiano trattenuto fino a 1,8 milioni di uiguri e altre minoranze musulmane in una rete di campi di internamento come parte di una campagna extralegale di incarcerazione iniziata all’inizio del 2017.

Il 30 settembre, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato l’Uyghur Forced Labour Disclosure Act, che richiede alle società quotate in borsa degli Stati Uniti di controllare le catene di approvvigionamento per il lavoro forzato. Dirige inoltre la Securities and Exchange Commission di richiedere alle società quotate in borsa di rivelare le importazioni di manufatti e materiali derivati ​​dal lavoro forzato nello XUAR.

Quella nuova legislazione segue l’approvazione del 22 settembre dell’Uyghur Forced Labour Prevention Act, che richiede al Segretario di Stato di determinare se l’imposizione del lavoro forzato agli uiguri e ad altri gruppi musulmani turchi costituisce crimini contro l’umanità o genocidio ai sensi della legge statunitense.

Washington sta anche adottando misure di ispezione doganale per bloccare le importazioni di merci sospette e per sanzionare e tenere in considerazione i funzionari cinesi responsabili di violazioni dei diritti umani nello XUAR. Gli Stati Uniti hanno avvertito le aziende statunitensi di garantire che le catene di approvvigionamento in Cina non comportino il lavoro forzato.

Martedì scorso, la US Customs and Border Protection (CBP) ha annunciato la sua prima scoperta di lavoro forzato dal 1996, dopo aver stabilito che gli estratti di stevia e i derivati ​​prodotti utilizzando il lavoro forzato o forzato della Mongolia Interna Hengzheng Group Baoanzhao Agriculture, Industry and Trade Co. , Ltd. (Baoanzhao), con sede nella regione autonoma cinese della Mongolia Interna (IMAR), vengono importati o è probabile che vengano importati negli Stati Uniti.

La legge degli Stati Uniti proibisce l’importazione di merci estratte, fabbricate o prodotte, in tutto o in parte, dal lavoro forzato, compresi il lavoro forzato, il lavoro minorile forzato e il lavoro a contratto.

Sulla base delle conclusioni del CBP, ai direttori portuali è stato ordinato di sequestrare la merce in questione e di avviare una procedura di confisca.

CBP ha emesso un ordine di ritiro alla fonte contro Baoanzhao nel maggio 2016 dopo aver condotto un’indagine sulla società sulla base delle accuse di un’organizzazione non governativa. La stevia è un dolcificante e sostituto dello zucchero derivato dalle foglie di quella specie vegetale.

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: World Uighur Congress,23/10/2020

Articolo in inglese:

SOME 20,000 FORMER CAMP DETAINEES WORKING AT XINJIANG FACTORY TIED TO FORCED LABOR 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.