‘Addio’: Qiao Mu, accademico dissidente, lascia la Cina per gli Stati Uniti

Gli amici dicono che la decisione di Qiao è arrivata dopo che la sua carriera accademica è stata distrutta a seguito del suo rifiuto di allinearsi.

Qiao Mu aveva sempre insistito che non sarebbe stato costretto a lasciare la Cina. “Dobbiamo cambiare la nostra nazione, non la nostra nazionalità”, così lo schietto accademico diceva al Guardian, durante un pranzo nell’estate del 2015.

Due venerdì fa, tuttavia, Qiao e la sua famiglia sono partiti per l’aeroporto internazionale di Pechino per prendere un Boeing 777 con destinazione Stati Uniti.

“Sto lasciando il mio paese e mi mancherà. Addio”, Qiao, 47 anni,  ha annunciato così la partenza sul servizio di messaggistica WeChat, mentre aspettava di imbarcarsi sul volo Air China Flight CA817 per Washington DC. Non ha detto quando, o se, tornerà.

Nei quasi cinque anni da quando Xi Jinping è diventato primo ministro della Cina, Qiao, professore di giornalismo all’Università degli Studi Stranieri di Pechino e difensore dei diritti umani, è emerso come una voce di dissenso sempre più isolata in un paese in cui opporsi politicamente diventa sempre più pericoloso giorno dopo giorno.

I corrispondenti e diplomatici stranieri in Cina si lamentano che sotto Xi – che sta per completare il suo primo mandato – gli studiosi locali hanno smesso di discutere di argomenti politicamente sensibili o, in alcuni casi, di incontrarsi del tutto con gli stranieri.

“Il clima generale per il giornalismo in Cina si è deteriorato nel corso dell’ultimo anno”, si legge in un rapporto pubblicato dal Club dei Corrispondenti Esteri in Cina a novembre del 2016. “Molti hanno denunciato la pressione esercitata sulle organizzazioni e sul mondo accademico, e hanno parlato di crescenti difficoltà a garantire interviste con le fonti e gli esperti”.

Ma Qiao sembrava infischiarsene della pressione, concedendo interviste periodiche ad agenzie di comunicazione di tutto il mondo tra cui il Guardian, il Financial Times, il Wall Street Journal, il New York Times, il Globe e il Mail, Al Jazeera English e l’Associated Press.

Ha affrontato questioni spinose come la censura dei media, i conflitti etnici, la politica dell’élite e il culto della personalità di Mao, che alcuni sostengono il presidente Xi cerchi di coltivare. “Sono una tipica persona cinese. Amo il mio paese e voglio cambiarlo”, ha detto Qiao ad AFP all’inizio di quest’anno.

Qiao ha rifiutato di dare dettagli sulla sua decisione di scambiare la Cina settentrionale per la costa orientale degli Stati Uniti. “Devo guadagnarmi da vivere”, ha detto in un breve messaggio su WeChat la scorsa settimana.

Ma gli amici hanno detto che aveva deciso di lasciare dopo aver visto la sua carriera accademica distrutta dal suo rifiuto di allinearsi. Dal 2014 Qiao era stato bandito dalle aule, apparentemente una punizione per il suo sostegno pubblico a idee come la democrazia multipartitica e la libertà di parola.

Ad aprile di quest’anno Qiao si è dimesso citando come fattore motivante le sue frustrazioni alle restrizioni politiche. “Un professore di giornalismo [che] deve essere contro i media liberi. Anche Tchaikovsky non avrebbe potuto suonare una sinfonia più dolente per la mia situazione”, si era lamentato in una lettera online.

Shi Jiepeng, un collega accademico che è stato recentemente vittima della repressione contro i pensatori liberali, ha dichiarato che al suo amico era stata resa la vita impossibile. “Le persone come lui non possono trovare alcun posto di lavoro all’interno del sistema”, ha detto Shi, che è stato licenziato dal suo lavoro alla Normal University di Pechino a luglio a causa dei suoi post politici online.

“C’era ancora spazio al di fuori del sistema ma senza il sostegno di un’istituzione uno studioso affronta ogni sorta di problema”, ha aggiunto Shi. Ha suggerito che le difficoltà finanziarie abbiano avuto un ruolo nell’espatrio di Qiao, poiché ha perso i benefici legati a un lavoro universitario, come l’educazione della figlia.

“Andare [in America] è la scelta del male minore per lui. Ma non è la scelta migliore e non ha che questa opzione”, ha detto Shi.

In una intervista del 2015, Qiao ha dichiarato di essere ben consapevole dei rischi legati a parlare apertamente nella Cina sempre più illiberale di Xi. Pochi giorni dopo questa intervista, le forze di sicurezza attuarono il famoso rastrellamento di avvocati e attivisti per i diritti umani – più tardi chiamato in Cina la “guerra contro la legge”- sequestrando alcuni dei più noti avvocati del paese in prigioni segrete.

“Prima di Xi Jinping temevamo solo che avrebbero cancellato i nostri post [online]. Nella situazione peggiore che avrebbero eliminato [il tuo account]”, aveva dichiarato Qiao. “Ma da quando Xi Jinping è salito al potere, tutto è cambiato. Hanno iniziato ad arrestare la gente”.

Qiao ha evitato quel destino. Ma con la sua partenza, la lista di accademici liberali cinesi che abbandonano la patria e cercano rifugio all’estero si sta allungando.

“La situazione nell’ultimo anno è peggiorata per la vita intellettuale in Cina… È un momento triste per essere un intellettuale”, ha dichiarato Jerome Cohen, esperto di Cina a New York, che sta aiutando alcuni degli studiosi rifugiati che arrivano negli Stati Uniti.

“Non è facile ottenere un lavoro fisso all’estero così buono come quello che hanno avuto in Cina” ha ammesso Cohen. “Ma non essere liberi di scrivere e di parlare come dovrebbe essere normalmente porta le persone a giocarsi il tutto per tutto”.

“La gente sta cercando di reagire”, ha aggiunto. “Ma ora realizza che ha a che fare con almeno altri cinque anni di Xi Jinping”.

“La notizia dell’inatteso espatrio di Qiao è stata celebrata da amici e sostenitori su Twitter, che Qiao ora sarà in grado di utilizzare senza doversi appoggiare a una rete privata virtuale (VPN) per saltare i controlli draconiani cinesi. “Benvenuti nel mondo libero”, ha scritto Zhou Fengsuo, un esule in California che è stato costretto a lasciare la Cina dopo aver partecipato alle proteste di Tiananmen nel 1989. “Respira aria libera”, suggerisce un altro.

Due anni fa Qiao disse che sognava di essere eletto, un giorno, in una Cina democratica e promise che sarebbe rimasto, in modo da essere pronto a servire il proprio paese quando quel giorno sarebbe arrivato: “Ho studiato la transizione dei paesi dell’Europa orientale, di solito sono i professori, gli scrittori, gli avvocati e i giornalisti che diventano politici”, ha detto. “Voglio essere un parlamentare – per criticare e controllare il governo corrotto”.

Qiao ha ancora quel sogno, nonostante la sua decisione di partire? “Sembra di sì”, ha detto il suo amico Shi.

Traduzione di Andrea Sinnove, LRF Italia Onlus


Fonte: The Guardian, 14 settembre 2017

English Article: The Guardian, ‘Farewell’: Qiao Mu, dissenting academic, leaves China for US

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.