Acc, l’azienda comprata dai cinesi ora taglia ferie, malattia e costo del lavoro

I lavoratori si chiedono se in Italia sia legale, ma l’alternativa era la chiusura.Dichiarata insolvente, e posta in amministrazione straordinaria nel giugno 2013, l’azienda è stata salvata dal Wanbao Group Co Ltd di Guangzhou.

Diminuzione dei giorni di ferie, paletti a quelli di malattia, taglio del costo del lavoro e taglio dell’organico. È la cura Made in China per un’azienda fiore all’occhiello del Made in Italy, altro caso significativo di un Nordest ex locomotiva d’Italia: la Acc Compressors di Mel (Belluno), fondata nel florido 1966 e maggior produttrice italiana ed europea di compressori ermetici per refrigerazione domestica.

 In difficoltà per una malagestione che l’ha fortemente penalizzata, dichiarata insolvente, e posta in amministrazione straordinaria nel giugno 2013, l’Acc Compressor ha annaspato fino ai primi di luglio, quando è arrivata l’ancora di salvezza: ad aggiudicarsi la gara internazionale per la cessione del complesso bellunese è la Wanbao Group Compressor Co Ltd, con sede a Guangzhou in Cina, uno dei leader mondiali del settore del compressore che garantirà allo stabilimento di Mel la continuità industriale, con l’assegnazione di 3.200.000 compressori nel 2014 e di 3.600.000 nel 2016.

 Lieto fine? Non proprio. Perché per acquisire la Acc e rilanciarla la Wanbao pone una cura da cavallo, tanto da portare i lavoratori a chiedersi, sulle pagine del Gazzettino di Belluno, “se questo sia legale, perché siamo in Italia”: dalla riduzione dei giorni di ferie a condizioni più rigide per i permessi di malattia, oltre al taglio dello stipendio: inizialmente, del 10% “poi salito al 27%”, afferma Bruno Deola, rappresentante sindacale Acc. “Forse riusciamo ad arrivare al 16%. Stiamo cercando di rivedere la parte più spinosa, ossia il costo del lavoro e la gestione dei 455 lavoratori con la garanzia di almeno due, tre anni”.

 Già, i lavoratori. Da 600 (in cassa integrazione da ormai otto anni), si ripartirà da 300 unità, a cui saranno aggiunte altre 50, fino ad arrivare a 455 lavoratori entro l’anno, pena sanzione economica.

I lavoratori di Mel storcono il naso: vedono l’accordo con i loro nuovi datori come un gioco al ribasso, dove a perdere sono i loro diritti. “Le condizioni sono, ahimè, quelle cinesi. Trattando con un’azienda italiana o europea avremmo avuto una base di riferimenti. Qui partiamo da zero” spiega Elena Donazzan, assessore al Lavoro della Regione Veneto, dove oggi si è svolta una riunione tra le parti.

È lei che ha seguito da vicino il caso, fin dal commissariamento, creando allora un comitato istituzionale di sorveglianza composto da sindaci e senatori del territorio, gestendo il rapporto con il Mise. Oggi, però, l’assessore vede il bicchiere mezzo pieno: “I cinesi non comprendono lo status quo dei lavoratori di Mel – continua l’assessore Donazzan -. Purtroppo sono mancate politiche industriali di difesa per questo settore: oggi è difficile accettare di perdere dei pezzi, ma l’alternativa è la chiusura”.

Anna Martellato,La Stampa,29/07/2014

Articoli correlati,click qui:

 Cina attrae gli investimenti, causa la delocalizzazione produttiva, la chiusura di stabilimenti, la disoccupazione e il “made in Italy” che non c’è più

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.