CINA: aborto all’8° mese fermato grazie a “Save a girl”

Bao Yu

Questa è la storia di ciò che accade in una terra dove le persone non sono libere – e cosa succede quando persone come te, persone che sono libere, decidono di aiutare gli indifesi.

Quando la madre di Bao Yu era incinta di otto mesi, è andata in ospedale per determinare il sesso del bambino. Aveva già una figlia di tre anni, e la sua famiglia aveva deciso che questo secondo figlio sarebbe dovuto essere un maschio. (In campagna, se il vostro primo figlio è una bambina, si può avere un secondo figlio. Molti considerano questo secondo bambino come la loro ultima possibilità di avere un figlio.)

Quando il medico ha detto alla madre di Bao Yu che aveva una bambina, la sua famiglia ha cercato di costringerla ad abortire. La famiglia voleva un bambino, e per l’esecuzione coercitiva della politica figlio unico, sapevano che non potevano avere un bambino maschio se avesse tenuto Bao Yu. Anche se la madre di Bao Yu non poteva vedere la figlia in grembo, sapeva che l’amava e la sentiva crescere giorno per giorno. Eppure, a causa della forte pressione dalla sua famiglia, si sentiva come se non avesse altra scelta che interrompere la sua gravidanzasolo perché era una bambina.

Qui sopra potete vedere una foto di Bao Yu (il nome è stato cambiato per proteggere la sua identità).

Bao Yu è stata molto fortunata poiché “Women’s Right Without Frontiers” (WRWF) ha saputo che la madre era stata messa sotto pressione per abortire all’ottavo mese. Un  ricercatore WRWF sotto copertura sul campo ha visitato la madre di Bao Yu e le raccontò del programma “save a girl”.

La rassicurò che stavano aiutando altre famiglie a tenere le loro figlie perché credono che hanno lo stesso valore dei ragazzi. Hanno offerto alla famiglia uno stipendio mensile per un anno, per aiutarli a sostenere la loro nuova figlia. Con questo aiuto, la madre di Bao Yu fu in grado di resistere contro la marea culturale della preferenza del figlio e a dare alla luce Bao Yu.

La storia di Bao Yu si ripete in tutta la Cina milioni di volte ogni anno. Le famiglie che hanno già una figlia saranno regolarmente costretti ad interrompere la loro seconda gravidanza nel caso sia una figlia. A causa di questa pratica brutale, ci sono 37 milioni di uomini in più che vivono in Cina rispetto alle donne. E questo squilibrio è la causa drl traffico di esseri umani e della schiavitù sessuale.

La tua donazione consente a Women’s Right Without Frontiers” (WRWF) di continuare ad essere una voce per le donne senza voce e dei bambini della Cina. Questo enorme sforzo ha un costo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Aiutateci come potete. Ogni donazione fa la differenza! Grazie per la vostra generosità!

Donazioni: 
http://womensrightswithoutfrontiers.org/index.php?nav=give

Traduzione a cura di: Flavio Brilli, Laogai Research Foundation, 3/7/2014

Fontewomensrightswithoutfrontiers.org  02 July,2014


English version:

The story that follows is what happens in a land where people are not free — and what happens when people like you, people who are free, choose to step up and help the helpless. 

When Bao Yu’s mother was 8 months pregnant, she went to the hospital to determine the sex of the child. Her mother already had a three-year old daughter, and her family was determined that this second child would be a son. (In the countryside, where your first child is a girl, you can have a second child. Many regard this second child as their last chance to have a son.) When the doctor told Bao Yu’s mother she was carrying a girl, her family tried to force her to abort. The family wanted a boy, and because of the coercive enforcement of the One Child Policy, they knew they could not have a boy if they kept baby Bao Yu. Even though Bao Yu’s mother couldn’t see her daughter in the womb, she knew that she loved her and felt her growing day-by-day. Still, because of the intense pressure from her family, she felt like she had no other option but to abort her full-term pregnancy – just because her baby was a girl.

Bao Yu was very fortunate that Women’s Rights Without Frontiers’ (WRWF) learned that her mother was being pressured to abort her at eight months. A WRWF undercover fieldworker visited Bao Yu’s mother and told her about the “Save a Girl” program. Our fieldworker reassured her that we are helping other families keep their girls too because we believe that girls matter just as much as boys. We offered to give the family a monthly stipend for a year, to help them support their new daughter. With our help, Bao Yu’s mother was able to stand against the cultural tide of son-preference and give birth to precious baby Bao Yu.
Bao Yu’s story is repeated all over China millions of times each year. Families who already have a daughter will routinely abort their second pregnancy if it’s a girl. Because of this brutal practice, there are 37 million more men living in China than women. And this gender imbalance is driving human trafficking and sexual slavery.
Your donation enables Women’s Rights Without Frontiers to continue to be a voice for the voiceless women and children of China. This huge effort comes at a cost. We need your support. Please give as generously as you can. Every donation makes a difference! Thank you for your generosity!
Women’s Right Without Frontiers (WRWF),02 July.1014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.