Prato: abbigliamento con etichette contraffatte, sequestrati 600 capi

Prato, 1 aprile 2016 – Nella mattinata di oggi la polizia municipale ha sequestrato circa 600 capi di abbigliamento tra pantaloni, maglie, camicie, gonne e vestiti, in vendita in un negozio di via Filzi, gestito da una cinese di 47 anni.

Dopo accurate verifiche su tutta la merce presente all’interno dell’esercizio commerciale, gli agenti di piazza Macelli hanno individuato irregolarità relative all’etichettatura dei prodotti. In particolare i capi di abbigliamento erano sprovvisti delle indicazioni relative alla composizione tessile e delle informazioni obbligatorie in lingua italiana destinate ai consumatori, compresa l’indicazione dell’importatore, previste dalla legge. Alla titolare sono state contestate violazioni ai sensi del Codice del Consumo e alle norme relative all’etichettatura dei prodotti tessili.

La merce sequestrata è stata depositata nei magazzini della polizia municipale, in attesa dei successivi atti da parte della Camera di Commercio di Prato, autorità competente per la specifica materia. Sulla merce sequestrata verranno anche eseguiti esami di laboratorio per accertare l’eventuale presenza di sostanze tossiche o dannose per la salute.

La Nazione ediz. Prato,01/04/2016

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.