Sindacato calzaturieri: «i grandi marchi sfruttano i laboratori cinesi». Cgil pronta alle denunce

Tensione per la scoperta di sei aziende prive di sicurezza e con operai clandestini.

STRA. «C’è il rischio che si crei un sistema di ricatti per cui le piccole aziende sane e oneste del comparto tessile e calzaturiero non avranno più il coraggio di denunciare chi lavora in maniera disonesta per i grossi marchi committenti, per paura di perdere lavoro. Il materiale sequestrato nelle operazioni delle forze dell’ordine va consegnato alle aziende oneste».

A dirlo è Riccardo Colletti, segretario provinciale del sindacato Filctem Cgil, che denuncia il clima pesante dopo un’operazione a livello provinciale condotta dai carabinieri che ha portato alle denuncia di 14 imprenditori, e alla chiusura di sei aziende nell’area di Martellago. Aziende con imprenditori cinesi cui per lo più viene contestato il ricorso al lavoro nero, l’impiego di manodopera clandestina e le violazioni delle norme antinfortunistiche. «La proliferazione di laboratori clandestini cinesi», spiega Colletti, «è funzionale a un abbassamento del costo della manodopera per alcuni grossi marchi mondiali.

Insomma siamo di fronte ad una specie di “delocalizzazione a chilometro zero”. Ma il vero problema è l’omertà che circonda e favorisce queste attività illecite. La domanda è: a chi servono? Chi commissiona il lavoro a questi laboratori? È necessario ricostruire la filiera della committenza, perché è molto probabile che questi prodotti vengano ordinati da importanti aziende della distribuzione.

Oltre a speculare, chi ci guadagna nella vendita al dettaglio dei prodotti realizzati in questo modo, oltre il 400%. A discapito, delle imprese serie che rispettano le regole. Per questo riteniamo utile, semmai ci fossero sequestri di materiale, capire bene chi ne chiede poi il dissequestro. E se questo accade, pensiamo che tutto ciò che viene dissequestrato dovrebbe essere dato a quelle imprese che competono onestamente in un settore che giorno dopo giorno diventa sempre più difficile da governare».

La Cgil per le denunce dei laboratori clandestini, ha messo a disposizione un “numero verde”: lo 041 549124. Un numero al quale nel corso degli ultimi due anni sono arrivate decine di segnalazioni. I numeri del distretto della calzatura della Riviera sono importanti: fatturato di 1,8 miliardi, 10 mila addetti e 939 imprese dell’indotto (cuoio e calzature).

È un distretto fortemente vocato all’export (90%) e riconosciuto per qualità dei prodotti nel mondo. La Cgil infine invita le categorie a far presto per realizzare già questo anno la certificazione del marchio “Made in Riviera del Brenta” sulle produzioni.

Nuovavenezia.gelocal.it, 03/02/2016

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.