CINA : “concia delle pelli – Made in Prison”

I Laogai e i Campi di Lavoro in Cina sono vere e proprie fabbriche dove vengono prodotti ogni genere di manufatti: televisori, cellulari, utensileria in genere, giocattoli, bigiotteria e altro ancora compresi articoli di abbigliamento, pellicce, capi in pelle etc.

Le concerie nei Laogai e nei Campi di Lavoro in Cina  non sono come in Europa all’avanguardia con macchinari di ultima generazione, dove la sicurezza , la salute dei lavoratori è di primaria importanza e tutelata da norme ben precise, in queste prigioni vige la legge “ Massima resa, minima spesa”. Tutto è obsoleto.

I detenuti – schiavi lavorano in condizioni terribili, apocalittiche. Ogni legge sulla salute e sulla sicurezza è violata. I prigionieri di qualsiasi età e sesso, privi di qualsiasi tipo di equipaggiamento di protezione seminudi, se non completamente nudi, entrano in contatto o fatti immergere nelle misture tossiche cancerogene calde, contenute in vasche (vedi foto) e riempite fino a tre metri.

I prodotti chimici utilizzati ( anche inalati attraverso i vapori delle acque contaminate calde) contengono piombo, cromo, acido solforico e altre sostanze cancerogene, oltre a peli animali. La pelle dei detenuti viene devastata da molteplici malattie e infezioni: orticarie, dermatiti , funghi, fuoriuscita di pus, scabbia etc.

Febbri e problemi respiratori si vanno ad aggiungere. Queste patologie gravi sono comuni a tutti gli individui che lavorano 14-16 ore al giorno all’inferno . Se poi si considera gli incidenti causati dall’uso dei macchinari obsoleti: amputazione delle dita, profonde ferite da taglio, etc. il quadro è completo.

Questi disperati sono privati di qualsiasi cura e assistenza e vengono abbandonati al loro orribile e terrificante destino. In questo contesto di immaginabile e immane sofferenza oltre ogni limite, l’unica via d’uscita per questi disperati è il suicidio.

Il PCC sta perpetuando la macchina dell’intimidazione e del terrore, dell’eliminazione della coscienza con un lavaggio del cervello. Fornisce un’inesauribile forza lavoro a costo zero con il “Made in Prison”. Prima di acquistare un qualsiasi prodotto “Made in China”, rifletteteci.

La civilizzazione e la democrazia in Cina è una strada lunga e dolorosa, lastricata di lacrime e sangue come è stata per noi Europei quando abbiamo sperimentato le bestialità naziste prima di giungere al rispetto dell’uomo quale entità fisica, morale, esistenziale e spirituale. Ahimè gli Europei e non solo, non hanno saputo trarre benefici dagli orrori del passato.

Hanno permesso e addirittura hanno alimentato il ripetersi di questi orrori in altre Nazioni. Non sono consapevoli che tutti noi siamo nati su questa Terra come parte di una grande famiglia: Una sola famiglia umana.

Quello che manca è il senso di una Responsabilità Universale. In Cina e in tutti quei territori controllati dal regime dispotico del PCC, in questa era, in questo preciso momento, stanno percorrendo quella stessa strada lastricata di sangue e sofferenza.

Desidero ringraziare Harry Wu e Toni Brandi per la cortesia dimostrata e per il loro aiuto alla realizzazione di questo mio servizio per informare tutti Voi..

Un Grazie sentito.

Gianni Taeshin Da Valle,Laogai Research Foundation

Lerici, 25 aprile 2013

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.