«Yuan, nessun cambiamento a breve termine»

La decisione degli Stati Uniti di ritardare la pubblicazione di un rapporto sul mercato valutario, non significa che la Cina modificherà le proprie politiche monetarie nel breve termine. È il commento di un influente economista del governo di Pechino, a pochi giorni dalla telefonata tra il presidente americano Barack Obama e il suo omologo cinese Hu Jintao, che hanno concordato un incontro alla Casa Bianca i prossimi 12 e 13 aprile. Con il conseguente stop al rapporto, che doveva essere reso pubblico il 15 aprile.

«Penso che sia un segnale positivo da parte di Washington – ha spiegato Huo Jianguo, che dirige il think tank del ministero del Commercio -, ma non credo che questo comporterà modifiche sostanziali alla nostra valuta nel breve termine. Prima di procedere a dei cambiamenti è necessario verificare la stabilità della ripresa delle nostre esportazioni, e considerare le conseguenze che uno yuan più forte potrebbe comportare sulle imprese». Anche altri economisti, riferisce l’agenzia Reuters, avevano spiegato al Quotidiano del Popolo cinese – prima dell’annuncio da parte degli Stati Uniti – che il deficit della bilancia commerciale degli Usa non è, a loro avviso, provocato dal cambio con la moneta di Pechino.

Nel duello di dichiarazioni a distanza, va segnalato anche l’intervento di Robert Gibbs, portavoce della Casa Bianca, che ieri ha confermato l’intenzione del governo americano di convincere la Cina a lasciare decidere al mercato il livello di riferimento dello yuan.

Fonte: valori.it, 9 aprile 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.