NEWS

13 luglio 2018: anniversario morte di Liu Xiaobo [video]

Liu Xiaobo è morto giovedì 13 luglio 2017 dopo una lenta agonia. Si è spento a sessantuno anni l’attivista democratico continua »

La Cina libera Liu Xia, la vedova del Nobel Liu Xiaobo [video]

Dopo otto anni passati tra arresti domiciliari e sorveglianza delle autorità la donna ha lasciato Pechino per arrivare a Berlino. continua »

Ritirati dal mercato 748 lotti di farmaci a base di valsartan prodotto in Cina: potenzialmente cancerogeno

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il ritiro di diversi lotti di farmaci a base del principio attivo valsartan prodotti continua »

I figli dei deportati uiguri rinchiusi in orfanotrofio

I bambini che hanno i genitori rinchiusi nei campi di rieducazione vengono staccati dalle famiglie e messi in orfanotrofio. Talvolta anche continua »

Madre del leader del gruppo di esuli uiguri, Dolkun Isa, morta in un centro di rieducazione

La madre di Dolkun Isa, presidente del gruppo di esiliati del World Uyghur Congress (WUC) con sede a Monaco, è continua »

Nella giornata internazionale a sostegno delle vittime della tortura 2018 l’UHRP denuncia la Cina

In occasione della Giornata internazionale a sostegno delle vittime di tortura (26 giugno), l’UHRP chiede alle Nazioni Unite (ONU) e continua »

In Cina scolari portati a vedere le condanne a morte. “È istruttivo” (video)

Si può assistere a una condanna a morte come se fosse la visita guidata a un museo? Si può fare, continua »

La Cina porta la sorveglianza a nuovi livelli con stormi di colombe robotiche, ma vengono in pace? [Video]

I droni hi-tech che sembrano e si muovono come veri uccelli hanno già sorvolato la lussureggiante regione dello Xinjiang. Se continua »

La Cina il peggior trasgressore di profughi

Secondo un sondaggio il 97% degli intervistati sarebbe contrario ad accogliere rifugiati in Cina. Oggi sono pochissimi. Pesano razzismo strisciante continua »

Il microblogging cinese Weibo blocca il conduttore satirico John Oliver critico su Xi Jinping

In un programma televisivo di 20 minuti andato in onda su HBO domenica scorsa, Oliver ha criticato  l’abolizione del limite continua »

I Tibetani costretti a imparare canzoni che lodano il partito comunista cinese

Fonti tibetane affermano che le autorità cinesi in Tibet hanno lanciato una nuova campagna di lealtà nella regione dell’Himalaya precedentemente continua »

Paranoia cinese “anti-Occidentale”. Manifesti governativi nella metro di Pechino

Nei giorni scorsi in Cina è stata lanciata una nuova campagna “anti-Occidentale” chiamata “Amore pericoloso”. Nelle stazioni delle 22 linee della continua »

Scrittori di fama mondiale chiedono la liberazione di Liu Xia [Video]

La campagna di Amnesty International e Pen America. Artisti e autori leggono le poesie della moglie di Liu Xiaobo. Peggiora continua »

Proibita a diplomatici europei la visita a Liu Xia

La vedova di Liu Xiaobo è agli arresti domiciliari dal 2010, senza che vi sia un’accusa formale contro di lei. continua »

La storia di Gao Rongrong torturata fino alla morte. In un video shock racconta i fatti prima del suo decesso

Gao Rongrong, ex membro dello staff dell’Istituto di Belle Arti di Luxun, nella città di Shenyang, aveva subito terrificanti torture continua »

 

Siamo tutti volontari… unisciti a noi!

Siamo alla ricerca di volontari che vogliano offrire un aiuto a questa fondazione che si impegna nel divulgare notizie sulla violazione dei diritti umani in Cina e non solo.

Ci rivolgiamo a tutte quelle persone che sono nelle condizioni di poter dedicare, gratuitamente, una piccola parte del tempo libero di cui dispongono.

CINA-Changchun: Venduti vaccini anti-rabbia difettosi.

Un altro scandalo travolge la sanità cinese. Il vaccino anti-rabbia prodotto dalla Changchun Changsheng Biotech è risultato difettoso. Le autorità hanno imposto il ritiro dal mercato. “L’incidente è molto grave. Inoltre ha inferto un altro colpo alla fiducia del pubblico nei vaccini prodotti in Cina”.

La Cina taglia i vestiti lunghi alle donne uigure [video]

Funzionari della regione del Xinjiang, nella Cina nord-occidentale, tagliano le gonne lunghe alle donne uigure per le strade. Questi indumenti femminili vengono considerati sovversivi e questa è l’ennesima provocazione sta scatenando una protesta tra gli uiguri in tutto il mondo che viene considerata un esempio di come il governo cinese entra arbitrariamente con metodi deleteri nella loro nelle loro vite.

ll Partito Comunista Cinese impone di cantare in chiesa l’inno nazionale

Tutti i dati dei fedeli dovranno essere schedati, vietato l’utilizzo di luci esterne nei luoghi di culto, divieto ai minorenni di entrare in chiesa e obbligo di cantare l’inno cinese ad ogni celebrazione. La polizia ogni domenica presidia le entrate delle chiese. Nella provincia dello Henan vive il 10% dei cattolici cinesi. Aumentata da quest’anno la repressione e il controllo contro i cattolici in Cina.

Il Grande Fratello cinese nelle strade e nelle case africane

Controllo di Internet, reti telefoniche, riconoscimento facciale, telecamere di sorveglianza: le compagnie cinesi forniscono diversi Stati del continente. Ma “Quando si creano reti, è possibile istallare facilmente un accesso nascosto per controllare il flusso di dati che passa”.

I cinesi sono razzisti: gli africani lo stanno scoprendo

Dittatura, razzismo, volontà di leadership globale, ambizione di riscrivere l’ordine mondiale. Questi quattro elementi, combinati tra loro e bene evidenti nella Cina contemporanea, hanno un precedente storico che ha determinato conseguenze drammatiche. E’ anche nostra responsabilità avere piena consapevolezza del pericolo che abbiamo davanti, affinchè la storia non si ripeta.

Hong Kong ricorda Liu Xiaobo: manifestazioni contro la Cina. [video]

Per gli attivisti pro-democrazia di Hong Kong è iniziata presto la giornata di commemorazione di Liu Xiaobo a un anno dalla morte e hanno innalzato immagini del dissidente cinese e vincitore del premio Nobel per la pace davanti all’ufficio del governo cinese nell’ex colonia britannica, annodando nastri neri all’inferriata che lo circonda.

CINA-Qinghai, la polizia cinese reprime con la violenza manifestazione tibetani: “Basta scavi”

La autorità stroncano le proteste della popolazione locale che manifesta contro l’estrazione mineraria a Yulshul. “Ci dicono che costruiscono una strada. Ma si tratta di una miniera”. I locali sono preoccupati perché le attività estrattive inquinano e devastano il paesaggio. I manifestanti denunciano anche il giro di corruzione legato a queste opere.