Wen Jiabao promette riforme nella scuola per frenare la crisi economica

Pechino, Cina – Il premier Wen Jiabao ha lanciato la proposta di una riforma del settore dell’educazione per migliorare le scuole rurali, quelle professionali e i salari degli insegnanti, per prepararsi ai problemi che la crisi finanziaria globale sta creando. Il piano dovrebbe estendersi dal 2009 al 2020 e dovrebbe garantire un uguale accesso per ricchi e poveri a 9 anni di scuola dell’obbligo, sviluppare le strutture scolastiche anche nelle aeree rurali e garantire l’educazione ai figli dei migranti.

L’idea è contenuta in un discorso pronunciato da Wen lo scorso agosto al Consiglio di Stato, ma pubblicato solo oggi sul Quotidiano del popolo.

“L’educazione – ha detto Wen – prenderà una posizione importante mentre cerchiamo di mitigare l’impatto della crisi finanziaria globale sulla nostra economia… L’educazione è divenuta la pietra angolare del nostro sviluppo nazionale”.

Esponendo la sua visione, Wen ha tracciato 8 aeree in cui è necessaria la riforma:

uguaglianza nell’offerta della scuola dell’obbligo;

qualità dell’educazione rurale;

promozione delle scuole professionali;

eccellenza nell’educazione terziaria;

responsabilizzare gli studenti nell’auto-educazione;

educatori (non la burocrazia) quali responsabili delle scuole;

avere insegnanti ben preparati;

uso effettivo delle risorse assegnate

La riforma dell’educazione è attesa da tanto tempo, ma al di là delle parole finora si è fatto molto poco. Fra i problemi più cocenti vi è anzitutto la struttura dell’insegnamento, basata sul nozionismo, più che sul ragionamento. Vi è poi la grave mancanza di insegnanti nel mondo contadino, penalizzati dai salari bassi; la carenza di strutture e, dove esistono, la loro obsolescenza. Basti ricordare lo scandalo delle scuole nel Sichuan, dove sono crollati tutti gli edifici nella zona del terremoto, a causa di difetti di costruzione. Un altro problema è la povertà delle famiglie contadine, che preferiscono mandare a lavorare i figli in città, piuttosto che dare loro un’istruzione. Secondo fonti di AsiaNews almeno l’80% dei figli dei contadini lascia la scuola dopo il primo o il secondo anno.

La crisi finanziaria globale acuisce questi problemi e ne produce altri: ormai molti laureati – dopo aver passato pesanti esami e speso forti somme per lo studio – rischiano di non trovare lavoro in un’industria sempre più colpita dalla recessione.

Un altro problema che si percepisce da tempo è la carenza di operai specializzati per le industrie del Guangdong e nel bacino di Shanghai. Le scuole professionali dovrebbero rispondere a questa esigenza, cercando di riqualificare milioni di lavoratori migranti che, a causa della crisi, stanno ritornando ai loro villaggi dove il reddito medio annuo è di circa 2000-2500 yuan (circa 200-250 euro).

Il problema più grave rimane l’indecisione della leadership a garantire fondi per l’educazione.

Dal 1995 la Cina ha varato una legge che garantisce al settore dell’educazione almeno il 4% del Prodotto interno lordo (altri Paesi, anche meno ricchi della Cina, stabiliscono fino al 6%). Finora però il budget annuale dello Stato ha sempre devoluto all’educazione solo cifre inferiori. Nel 2007 Pechino ha stanziato per la scuola solo il 3,3% del Pil.

(Fonte: AsiaNews, 5 gennaio 2009)

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.