In Veneto le attività illegali cinesi privano di 10 mila posti di lavoro la regione

Un tesoretto di 113 milioni di euro che manca all’appello della contabilità delle famiglie cinesi in Veneto. La cifra mette in luce una realtà economica nascosta se si pensa come, in Veneto, la contraffazione parli prevalentemente cinese (due/terzi dei prodotti sequestrati sono cinesi).

 

Il dato emerge dal rapporto «I conti che non tornano. Un bilancio della presenza cinese in Veneto», curato dal Centro Studi di Unioncamere del Veneto e presentato stamattina presso la Camera di Commercio di Padova da Fernando Zilio, presidente di Unioncamere del Veneto, Elena Donazzan, assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Veneto, ed Antonio Selvatici, giornalista d’inchiesta autore de “Il libro nero della contraffazione”.

La presentazione dello studio è stata preceduta da una visita dell’assessore Donazzan e del presidente Zilio al Centro Ingrosso Cina, in zona industriale a Padova.

A livello regionale la comunità cinese sembrerebbe rappresentare più un beneficio che un costo. La bilancia economica mostra come le entrate pubbliche generate dai cinesi (tasse pagate, contributi previdenziali, Iva sui consumi, bolli auto) superino le uscite che lo Stato o gli Enti Locali mettono a disposizione della comunità cinese (spese per istruzione, sanità, previdenza, carceri, politiche di integrazione e di contrasto): 137 milioni di euro in termini di “entrate regolari”, 124 milioni di “uscite regolari” con un avanzo di quasi 13 milioni di euro.

Ma i conti non tornano se all’analisi macro si affianca un’analisi micro, ossia familiare. Una famiglia cinese in media fa uscire dalle proprie tasche ogni anno (tra tasse, consumi e rimesse) quasi 32mila euro a fronte di entrate da lavoro “ufficiali” di poco meno di 18mila euro. Il disavanzo familiare è di quasi 14mila euro che, moltiplicato per il numero di famiglie cinesi in Veneto (9.500 con almeno un componente cinese), arriva a 113 milioni di euro.

Questo deficit fa spostare la bilancia economica a favore dei costi: gli “oneri regolari” e “sommersi” di cui beneficiano i cinesi superano di gran lunga i benefici che la comunità cinese apporta al Veneto.

Esiste una realtà economica sommersa che sfugge alle rilevazioni contabili formali e che permette alle famiglie cinesi di spendere più di quanto “ufficialmente” guadagnano. Un tesoretto che non si vede ma esiste.

Non si può escludere che una buona parte di queste risorse sia generata da attività illecite, di cui la contraffazione è uno degli elementi principali. In Veneto si stima in 430 milioni di euro il valore della contraffazione, quasi lo 0,3% del Pil regionale. Se questo volume di produzione venisse generato legalmente si potrebbero creare 10mila posti di lavoro regolari a tempo pieno.

Gente Veneta,19/12/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.