Un tibetano ucciso, un altro presunto morto nel Kardze del Sichuan

Secondo le fonti Tibetane, un uomo tibetano che vive nella provincia del Sichuan, nel Sudest della Cina, è stato picchiato a morte dalla polizia il mese scorso, e aumenta la paura che una monaca Tibetana scomparsa da 8 anni, dopo aver preso parte in una protesta contro il governo cinese, potrebbe anche lei essere morta durante la sua detenzione.

Yudruk Nyima, di circa 40 anni e residente della città di Dzakhok in Kardze (Ganzi, in cinese), prefettura autonoma tibetana della contea di Dege, è stato detenuto dalla polizia dopo essere ritornato da un viaggio per accumulare un fungo medicinale di valore, il cordyceps, ha riferito un tibetano che vive in India al servizio tibetano di RFA.

“Lui è stato detenuto perché sospettato di essere in possesso di un fucile nella sua casa a Dazkhok”, ha detto la fonte di RFA mantenendo l’anonimato e citando contatti nella sua Dege nativa.

Dopo esser stato preso ad un villaggio vicino, Nyma è stato picchiato severamente dalla polizia che tentò di spostarlo nella sedia della contea di Dege, dice la fonte.

“Ad ogni modo, lui è morto per strada mentre ancora ancora sotto la custodia della polizia”, ha detto.

Le novità della morte di Nyima hanno raggiunto le fonti esterne leggermente in ritardo a causa di un provvedimento restrittivo delle vie di comunicazione imposto dalle autorità cinesi dell’area.

I parenti negarono ogni accusa che vede Nyima possedere un fucile e si sono lamentati con le autorità locali della sua morte, disse la fonte, aggiungendo che il caso “è diventato causa di tensione nell’area.”

Perdere la speranza

I familiari di una giovane monaca Tibetana arrestata nel 2008 stanno nel frattempo perdendo le speranze che la giovane potrebbe ancora essere in vita dopo non aver ricevuto alcuna notizia sin da quando è stata presa in custodia, un gruppo di diritti tibetani con sede in India ha detto questa settimana.

Yeshe Lhakdron, una giovane monaca di 25 anni proveniente dal convento di Drakkar in Kradze, è stata detenuta con due compagne, otto anni fa, dopo aver fatto un appello pubblico per la libertà del Tibet dal governo Cinese, disse il Centro Tibetano per i Diritti Umani e Democrazia (TCHRD), Giovedì scorso.

“A seguito del loro interrogatorio dalla polizia durante il quale sono state vittime di bastonate e torture, le monache furono mandate presso un ospedale del governo nella contea di Kurdze” ha detto TCHRD, aggiungendo che i familiari non erano autorizzati a visitare le monache durante il loro trattamento all’ospedale.

Le infermiere dell’ospedale, poi dissero che una delle monache era morta lì e le altre due – di nome Snagye Lhamo e Tsewang Khandro – alla fine furono rilasciate dopo aver completato due anni in prigione, disse TCHRD.

“Ma [Yeshe] Lhakdron non è mai tornata a casa” ha dichiarato il gruppo per i diritti dei tibetani.

La mancanza di una reale evidenza della morte di Lhakdron, ha fatto sì che i familiari “stanno ancora lottando” per giungere ad una conclusione sul suo destino, anche se ora hanno ormai svolto i riti funerari per lei in vari monasteri, ha detto TCHRD.

I controlli del Governo

I tibetani che vivono a Kardze sono conosciuti per il loro forte spirito nazionalista Tibetano e per aver spesso istituito proteste, sia soli che in gruppo, per opporsi alle regole di Pechino.

Monasteri e conventi in Kardze adesso operano sotto lo stretto controllo del governo cinese e sono stati minacciati di venire chiusi nel caso in cui monaci e monache che vivono lì, vengano autorizzati ad unirsi ad attività di tipo politico, inclusa la promozione non autorizzata dello studio della lingua tibetana, ha riferito a RFA un tibetano residente nella zona.

“[Anche], se qualsiasi monaco o monaca venisse da altri posti per protestare, non gli sarà permesso di ritornare nelle proprie istituzioni e tali monasteri non dovrebbero riaccettarli.” Ha detto la fonte.

“Queste regole potrebbero aver lo scopo di contenere espressioni di solidarietà e supporto tra monaci e monache dei vari monasteri in diverse zone del Tibet” ha detto.

E.R. per la Laogai Research Italia Onlus


English article: One Tibetan Killed, Another Presumed Dead in Sichuan’s Kardze

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.