Categoria: Torture

Monaco tibetano rilasciato con disabilità a causa delle torture subite in una prigione cinese

DHARAMSALA, 9 febbraio: un monaco tibetano che ha scontato sei anni di prigione in Cina è stato rilasciato il mese scorso con disabilità permanenti  a causa di torture subite in  carcere.

CINA-Anhui : medico muore dopo numerosi arresti per la sua fede

La praticante del Falun Gong , Wang Ping della contea di Wuhe è morta a maggio del 2017, dopo anni di ripetuti arresti e detenzioni.

Cina: “Sorveglianza residenziale in un luogo designato” – una licenza per far sparire, detenere e torturare i dissidenti

Il curatore del “The People’s Republic of the Disappeared”, Michael Caster, spiega il vero orrore dietro la “sorveglianza residenziale cinese in un luogo designato” (RSDL) al The Diplomat.

CINA : ricordi dolorosi di una ragazza di sedici anni

Mi chiamo Xu Xinyang, ho 16 anni e vengo dalla Cina. Durante la mia infanzia sentivo di essere diversa dagli altri bambini. Ricordo che mentre crescevo mia madre mi affidava spesso ai parenti o mi portava a casa di amici e poi se ne andava via in fretta.

Il 27 gennaio: il Giorno della Memoria

Il 27 gennaio di ogni anno, ricordiamo l’Olocausto, che ha fatto strage di ebrei durante la seconda guerra mondiale. Lo stesso giorno si commemora anche la liberazione del campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau in Polonia, avvenuta il 27 gennaio 1945. Circa sei milioni di ebrei furono uccisi dalla polizia nazista.

Cina-Heilongjiang: uomo muore dopo una prigionia durata dieci anni

Huang Guodong era un praticante di 66 anni della città di Mudanjiang. Dopo aver scontato dieci anni di carcere per la sua fede e aver subito indicibili torture, nel 2011 è stato rilasciato. Purtroppo l’uomo non si è mai ripreso dagli abusi e dalle lesioni subite, soffrendo di vari problemi di salute. Infine il 31 ottobre 2017 è morto.

Sun Yi l’autore della lettera trovata in un manufatto prodotto in un campo di lavoro forzato in Cina, muore

La notizia colse di sorpresa il mondo: una lettera che aveva percorso 5.600 miglia dalla Cina fino a raggiungere una piccola città dell’Oregon. Aveva richiamato l’attenzione internazionale sulle torture nel famigerato campo di lavoro di Masanjia.