TIBET: Khenpo Kartse monaco buddista condannato a due anni e mezzo di carcere

Khenpo Kartse

20 ottobre 2014. “Khenpo” (abate in tibetano) Kartse (nella foto), il religioso trentottenne del monastero di Jhapa, nella contea di Nangchen, arrestato il 6 dicembre 2013 nella città di Karma con l’accusa di “attività contro lo stato”, è stato condannato da un tribunale cinese della Prefettura di Chamdo a due anni e mezzo di carcere. Ne ha dato notizia, il 17 ottobre, Dhondup, un monaco tibetano residente in Sud India.

 

Conosciuto anche come Karma Tsewang, Khenpo Kartse è molto rispettato tra i tibetani per il suo incessante adoperarsi in campo sociale e per l’attività svolta a sostegno e protezione della lingua, della religione e della cultura tibetana. Era stato fermato mentre si recava a Chendu per acquistare suppellettili religiose per il suo monastero.

Nei giorni successivi al suo arresto, centinaia di tibetani, monaci e laici, erano scesi in piazza con striscioni e cartelli chiedendo la liberazione dell’abate.

La polizia aveva fermato e trattenuto nel centro di detenzione di Nangchen altri ventuno tibetani, compresi sedici monaci, che avevano chiesto la sua liberazione.

Interrogato il 31 dicembre, Khenpo Kartse aveva rassicurato in una lettera i compatrioti facendo loro sapere di essere in buone condizioni di salute e di non avere subito torture. Aveva inoltre chiesto loro di stare tranquilli e di non prendere decisioni affrettate.

A quasi un anno dal suo arresto, la sentenza è stata pronunciata ormai almeno un paio di mesi fa al termine di un processo celebrato a porte chiuse.

L’avvocato di Kartse, Tang Tianhao, ha potuto vedere il suo assistito solo due volte. A più riprese gli è stato chiesto di abbandonare il caso.

Non cessano le proteste in Tibet. Rispettivamente il 4 e il 16 ottobre due tibetani sono stati arrestati per avere protestato – da soli – nella Contea di Serta e nella Contea di Kardze. Sono Passang Wangchuk (37 anni) e Dorjee Rinchen, un giovane ex monaco del monastero di Nubsoor. Dorjee ha gettato in aria bandiere di preghiera; Passang ha invitato i presenti a leggere le richieste scritte su uno striscione bianco: il ritorno del Dalai Lama e libertà per il Tibet.

Fonte: Tibet Post International – Phayul – Associazione Italia-Tibet.

English version,Phayul,click here: “Abbot Kartse sentenced to two and half years’ prison”

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.