Tibet : 4 P.M. ( ora locale)

Nonostante la feroce repressione continuano a registrarsi manifestazioni di protesta e gesti di ribellione all’occupazione cinese. Il 20 Novembre un giovane tibetano è stato arrestato, e brutalmente percosso, per aver  inneggiato all’indipendenza del Tibet.

Il 28 Novembre la polizia politica comunista ha arrestato l’abate del monastero di Woeser Ven. Khenpo Jampa Gyaltsen.

Continuano i processi sommari a porte chiuse dei prigionieri politici tibetani.A nessuno è concesso avvicinare i reclusi e viene negata loro ogni assistenza legale.

In molte zone vige il coprifuoco.

Alcune informazioni supplementari sulle ultime vittime :

– Sonam Phuntsok, originario di Mepa Chagso Tengpa,è deceduto per le percosse subite durante l’arresto.
– Jampa Lhamo, di anni 45, originario di Khyungpo Tengcheng  è deceduto subito dopo il rilascio per le torture subite in carcere.
-Tenzin Norbu, originario di Meldro Gongkar ,è morto per le torture subite in carcere
– Ngawang Tsering ,originario di Mepa ,è deceduto in ospedale privo di cure mediche.

Mila
corrispondente di Dossier Tibet dai territori occupati

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.