The Bingtuan: la forza paramilitare colonizzatrice cinese nel Turkestan orientale

Il Bingtuan, noto anche come “Xinjiang Production and Construction Corps” (XPCC), è un’organizzazione paramilitare del Turkestan orientale che risponde direttamente al governo del Partito Comunista Cinese. I suoi obiettivi sono principalmente coloniali: sviluppare il territorio nel Turkestan orientale, proteggere il confine e mantenere la stabilità.

La sua struttura riflette l’organizzazione paramilitare, con 14 divisioni composte da dozzine di reggimenti. Dal punto di vista etnico è nell’86% Han, mentre la percentuale complessiva di Han nel Turkestan orientale è del 40%.

Il Bingtuan rappresenta, nel Turkestan orientale, una delle principali istituzioni del dominio Han e del’emarginazione degli uiguri e di altri gruppi etnici indigeni.

“Per gli uiguri, il Bingtuan è una forza di repressione, un promemoria del rifiuto da parte del Partito Comunista Cinese della genuina partecipazione degli uighuri al processo decisionale regionale. Il Bingtuan è una chiara dimostrazione della promessa fallita di Pechino di concedere agli Uiguri un’autonomia significativa dopo che l’Esercito Popolare di Liberazione è entrato nel Turkestan orientale nel 1949”, ha dichiarato il direttore dell’UHRP, Omer Kanat.

Kanat ha aggiunto: “Il Bingtuan è prosperato mentre le comunità uigure cercano mezzi di sostentamento fattibili in condizioni di emarginazione del governo cinese. Il Bingtuan esercita un considerevole potere politico ed economico nella regione ed è responsabile della repressione violenta degli uiguri per la parità di diritti. Il rapporto dell’UHRP tenta di sollevare il coperchio di un’entità responsabile di numerose violazioni dei diritti umani inflitte agli uiguri”.

“Il Bingtuan: la forza colonizzatrice paramilitare della Cina nel Turkestan orientale”, descrive in dettaglio l’attività riguardante la propaganda, l’urbanizzazione, le prigioni, la militarizzazione, la discriminazione occupazionale e le politiche rurali che causano dislocamento e la distruzione ambientale. La metodologia del rapporto include la traduzione di documenti governativi cinesi, interviste con persone uiguri che ora vivono all’estero ma che hanno l’vissuto in prima persona prima di fuggire dal Turkestan orientale,  ricerche su rapporti accademici e mediatici in cinese, in particolare usando l’UHRP per l’accesso all’Uighurbiz, il sito web dello studioso uyghur Ilham Tohti.

Il rapporto contiene diverse raccomandazioni chiave, tra cui lo smantellamento del Bingtuan e la cessazione della migrazione dei cinesi Han reclutati. L’UHRP esorta il governo cinese a creare piani a lungo termine per la ridistribuzione delle risorse e dei diritti minerari alla popolazione del Turkestan orientale. Inoltre, l’UHRP raccomanda alla Cina di smilitarizzare le forze militari e di polizia. Tutti i funzionari delle forze dell’ordine nel Turkestan orientale devono essere responsabili nei confronti della comunità e delle minoranze etniche incluso il popolo uiguro.

“Il Bingtuan: la forza colonizzatrice paramilitare della Cina nel Turkestan orientale” può essere scaricato qui: https://docs.uhrp.org/pdf/bingtuan.pdf

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation


Fonte: UHRP, 26/4/18

English article: The Uyghur Human Rights Project (UHRP) announces the publication of a new report entitled ‘The Bingtuan: China’s Paramilitary Colonizing Force in East Turkestan. ’

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.