TERREMOTO IN TIBET: GOVERNO ITALIANO HA RISPOSTO OGGI A INTERPELLANZA URGENTE DEI DEPUTATI RADICALI PD

L’interpellanza è stata firmata da 40 deputati di diversi gruppi. Le fonti del governo italiano sono solo cinesi. Non consentito avere altre informazioni?

Dichiarazione di Matteo Mecacci, deputato radicale – pd, Presidente dell’Intergruppo Parlamentare sul Tibet:

“A nome del Governo italiano oggi il Sottosegretario agli Affari Esteri, On. Stefania Craxi, ha risposto all’interpellanza urgente dei deputati radicali – Pd, firmata da 40 deputati di diversi gruppi sul grave terremoto che ha colpito il Tibet lo scorso 14 aprile. Il Governo ha risposto confermando le notizie fornite dalle autorità cinesi senza però aver voluto verificare quanto le Ong e la stampa internazionale hanno documentato con informazioni raccolte sul territorio tibetano colpito dal terremoto. Il Governo ha inoltre dichiarato che provvederà a inviare aiuti per il tramite di organizzazioni umanitarie presenti nell’area.

Questa risposta è  del tutto insoddisfacente. Il Governo non ha minimamente risposto riguardo la possiblità di coinvolgere l’Unione Europea e/o l’Onu affinché intervengano sulle autorità cinesi per consentire la reale verifica indipendente di quante siano le vittime e se vi sia la possibilità di poter soccorrere anche i cittadini di etnia tibetana che vivono nelle regioni più remote colpite dal sisma. Inoltre l’atteggiamento di chiusura della Cina, di fronte alle richieste di accesso alle regioni tibetane colpite dal terremoto, vanno denunciate con la massima forza in quanto impedire l’assistenza umanitaria a popolazioni colpite da una tragedia di così vaste proporzioni, per motivi politici, non è un comportamento che può essere accettato da un paese e dalla comunità internazionale che dice di voler far rispettare i diritti umani”.

Di seguito il testo integrale dell’Interpellanza urgente:

Interpellanza urgente

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro degli Esteri;

Per sapere – premesso che:

Secondo informazioni raccolte da Ong internazionali, dall’International Campaign for Tibet, dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, dal Governo e dal Parlamento tibetano in esilio e da organi di informazione, valga per tutti il quotidiano ‘La Repubblica’ di mercoledì 28 aprile 2010 che documenta, con un particolareggiato reportage la situazione reale, il terremoto che il 14 aprile ha sconvolto la contea di Yushu, nella regione tibetana del Qinghai, avrebbe causato diverse decine di migliaia di morti  contro le duemila dichiarate finora dalle autorità cinesi;

Secondo alcune Ong umanitarie e secondo quanto riportato dallo stesso reportage “Cina, dentro il terremoto nascosto’, a firma Giampaolo Visetti, del quotidiano ‘La Repubblica’, nella strada Statale che collega per 820 Kilometri la contea dello Yushu con il capoluogo, ci sarebbero diversi posti di blocco per impedire a centinaia di  monaci tibetani di partecipare ai soccorsi, vietando anche l’accesso ai giornalisti internazionali per verificare la reale situazione della regione; in base a tali riscontri decine di villaggi e di quartieri cittadini, dopo due settimane, non sono ancora stati raggiunti dai soccorritori;

Il presidente della conferenza consultiva del popolo, Jia Qinglin, ha dichiarato che “forze ostili d’oltremare tentano di sabotare gli sforzi di soccorso”. Lo scrittore Tra Gyal, intellettuale di riferimento tra i tibetani del Qinghai, è stato arrestato a Xining dopo aver scritto una lettera aperta in cui denunciava le falsificazioni sulla reale portata della catastrofe umanitaria da parte delle autorità;

Secondo il governo di Pechino il terremoto avrebbe causato 2223 morti, 90 scomparsi, 12 mila feriti e circa 100 mila senzatetto. Tuttavia il conteggio dei monaci e di fonti tibetane, confermato dalle Ong internazionali presenti sul posto, alza il numero dei morti identificati a oltre seimila.  Fonti legate ai sopravvissuti della regione, affermano che la cifra reale oscilla tra i 15 i 20 mila morti;

Dopo giorni di funerali e di silenzio sulla reale situazione, centinaia di monaci hanno protestato contro i dati ufficiali.

La gravità della situazione è confermata da altre informazioni:

1)     Gyegu, la città santa dei tibetani, è rasa al suolo;

2)     Dei 238 monasteri buddisti della regione, incuneata tra il Sichuan e l’attuale Tibet, 87 sono crollati e il 60% degli altri è pericolante;

3)     Il Sengze Gyanak Mani, la montagna di pietre sacre buddiste più grande del mondo, è distrutta. Oltre due miliardi di sassi incisi con i mantra, sono franati travolgendo gli otto stupa e le ruote di preghiera alte dieci metri;

4)     Migliaia di statue antiche delle divinità tibetane, di preziosi testi sutra e di thangka, dipinti e ricamati su seta, sono andati perduti;

5)     Profonde crepe tempio della principessa Wencheng, protetto da una grotta, e nella tempio di Jyekundo, il nome tibetano di Gyegu.

Tra i 23 mila monaci dell’ordine gelugpa, presenti nella regione, il governo locale avrebbe indicato 84 vittime. Fonti legate ai lama tibetani sostengono di aver perduto oltre mille confratelli;

Tra capoluogo e provincia risultano crollate il 70% delle 192 scuole, mentre le altre sono impraticabili. Secondo le cifre ufficiali, gli studenti morti nella regione sarebbero 207. Monaci e attivisti per i diritti umani, invece, sono in possesso di elenchi che certificano 769 studenti morti solo nei 67 istituti e collegi di Gyegu. Centinaia di studenti risultano dispersi.

La scossa più violenta del terremoto del 14 aprile 2010, alle 7.49 del mattino,  ha sorpreso molti studenti che erano in classe a pulire, o nelle camerate a preparare gli esami. Solo nella scuola primaria numero 3, secondo i dati ufficiali, ci sono state 40 vittime.

Secondo quanto riferisce il giornalista di Repubblica, il preside di una delle scuole crollate, Nyima Gyaltsen, dei circa 3100 ragazzi che frequentavano i 18 edifici scolastici crollati nell’area, i superstiti accertati sarebbero solo 63. Stragi analoghe, smentite dalle autorità, si sarebbero verificate in tutte le altre scuole, nell’istituto professionale femminile, nell’orfanotrofio sbriciolato dove vivevano mille bambini, negli ospedali crollati;

Per sapere:

–         se il Governo italiano è a conoscenza delle informazioni raccolte dalle Ong internazionali riguardo la reale situazione venutasi a creare in Tibet a seguito del grave terremoto, e se le ritenga attendibili;

–         quali interventi umanitari di aiuto sono stati messi dal Governo italiano a disposizione delle autorità cinesi e se tali aiuti sono stati accettati;

–         se non ritenga il Governo  urgente intervenire anche con l’invio di osservatori internazionali, anche in accordo con l’Unione Europea e l’Onu, per verificare la reale situazione determinatasi in Tibet;

–         se non ritenga il Governo urgente intervenire in tutti gli ambiti internazionali, nonché a livello bilaterale con il Governo cinese, riguardo la necessità di far giungere nel più breve tempo possibile aiuti e sostegno alla popolazione dell’area tibetana colpita dal terremoto;

–         infine se il Governo non ritiene che impedire alla stampa internazionale di giungere nei luoghi colpiti dal terremoto non violi le più elementari regole relative alla libertà di informazione,  e non ritenga quindi opportuno chiedere alle autorità cinesi di rendere libero l’accesso in tali aree;

Intergruppo parlamentare sul Tibet, 7 maggio 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.