Il silenzio assordante sugli abusi dei diritti umani in Cina

Dove andrà la Cina nel 2018? Il presidente Xi Jinping ha promesso “la pace nel mondo” per il nuovo anno, ma il suo curriculum del 2017 suggerisce il contrario. Ricordate la singolare macchia della morte, lo scorso luglio, del vincitore del Premio Nobel per la Pace, Liu Xiaobo, circondato dall’ agenzia di sicurezza dello stato? Molti hanno condannato il comportamento della Cina, ma tali interventi sono sempre meno numerosi. Sempre più spesso le autorità cinesi ottengono il sostegno internazionale per i loro principi e le loro politiche.

Nella sola settimana di dicembre, il Partito Comunista Cinese ha ospitato un forum politico internazionale a Pechino, a cui hanno partecipato rappresentanti di partiti politici provenienti da democrazie come la Nuova Zelanda e gli Stati Uniti, apparentemente insensibili al fatto che i loro padroni gestiscano uno stato autoritario e monopartitico.

Il Ministero degli Affari Esteri cinese e l’Ufficio informazioni del Consiglio di Stato hanno tenuto un simposio internazionale a Pechino sui diritti umani a cui ha partecipato l’Ufficio delle Nazioni Unite dell’Alto Commissario per i diritti umani, un organismo dell’ONU che, a differenza di altre dozzine di altre agenzie delle Nazioni Unite, nega sistematicamente il capacità di operare in Cina.

E la Cina ha tenuto un altro vertice mondiale sulla tecnologia dell’informazione sulla connettività, alla presenza di Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple, che negli Stati Uniti si batte per i diritti alla privacy ma in Cina elogia i piani di Pechino per un “futuro comune nel cyberspazio” nonostante la censura dilagante e la sorveglianza elettronica.

Il termine “normalizzare” è molto in uso oggigiorno, tipicamente per significare l’accettazione implicita o esplicita di un comportamento problematico. In diplomazia, significa due paesi che stabiliscono relazioni diplomatiche formali.

A quarant’anni “dall’era della riforma” della Cina, Pechino ha chiarito che non si sta muovendo per la democrazia, una stampa libera o un sistema legale indipendente.
Ma ora è anche un ibrido perverso nella politica internazionale contemporanea: individui e istituzioni provenienti da parti del mondo in cui i diritti umani sono generalmente protetti non stanno solo rassicurando, ma lodando sempre più pubblicamente, le loro controparti cinesi pur non difendendo i principi e istituzioni che sostengono la loro stessa esistenza.

Mentre è vero che molte persone in diversi ambiti – accademie, affari, politica – hanno, nel corso degli anni, spinto il governo cinese ad adottare standard internazionali sui diritti umani e porre fine alla persecuzione di critici pacifici, pochi ora si oppongono all’intransigenza di Pechino. Molti ora scelgono di impegnarsi nei termini di Pechino, anche quando ciò è perverso e persino dannoso per i loro interessi. Apple continuerà a prosperare se la visione cinese del controllo statale di tutte le fonti di informazione e l’uso dell’intelligenza artificiale per monitorare il comportamento di tutti i cittadini diventerà una realtà?

Coloro che partecipano a questo tipo di incontri insistono sul fatto che è meglio impegnarsi che non: dopotutto, seguendo la logica, chi altro stabilirà standard diversi o più alti su tutto, dalla governance democratica alla responsabilità sociale delle imprese?

Ma, sempre di più, semplicemente non si preoccupano di stabilire o difendere tali standard. Qualcuno dei partecipanti alla conferenza dei partiti politici si è dissociato pubblicamente dalle dichiarazioni di chiusura dei loro ospiti, lodando la leadership del presidente Xi, o offrendo osservazioni pubblicamente disponibili che riflettono la preoccupazione per la mancanza di elezioni o di più partiti politici in Cina? No. Qualcuno alla conferenza sui diritti umani ha fatto una dichiarazione pubblica sulla pena di morte o sulla tortura della polizia? No.

Mentre le autorità cinesi ospitano questi eventi e proclamano il sostegno internazionale per la loro visione, sfruttano sempre più l’apertura per fare lo stesso, spesso attraverso organizzazioni statali come il Dipartimento del Fronte Unito. I politici australiani sono stati scoperti a ricevere donazioni politiche da parte di imprese cinesi.

Le autorità cinesi hanno limitato l’accesso dei gruppi per i diritti umani nel paese. La polizia dalla Cambogia alla Francia ha capitolato alle pressioni delle forze dell’ordine cinesi o degli ufficiali di “disciplina” del Partito e ha consegnato presunti fuggiaschi corrotti senza alcuna parvenza di giusto processo. Le università lottano con feroci denunce dei diplomatici cinesi per sapere se le istituzioni possono descrivere Taiwan come un paese indipendente, o avere il Dalai Lama come oratore.
La questione per le democrazie o le imprese non è se impegnarsi: è come impegnarsi come principio.

Questo significa trattare la Cina come molti governi trattano il presidente degli Stati Uniti Donald Trump quando fa dichiarazioni oltraggiose o adotta politiche retrograde. I leader democratici condannano le osservazioni di Trump sulle “false notizie” – ma non condannano la Cina per la sua censura o propaganda. Criticano Trump per la sua ostilità nei confronti delle Nazioni Unite, ma non hanno nulla da dire sugli sforzi della Cina per indebolire l’istituzione. È ora che i nuovi standard invertano queste relazioni altamente anormali con la Cina. A quarant’anni “dall’era delle riforme” della Cina, Pechino ha chiarito che non si sta muovendo per la democrazia, una stampa libera o un sistema legale indipendente, sebbene persone coraggiose continuino a spingere per questi, con un rischio personale considerevole. Se potenti voci esterne si impegnano senza scrupoli, non solo colpiscono alle spalle queste persone coraggiose – potrebbero anche trovarsi costrette a ballare sulle note di un governo altamente repressivo.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.


Fonte: Aljazeera.com, 2 feb 18

Traduzione Laogai Research Foundation Italia Onlus: “L’altra Cina: in ricordo di Harry Wu”

English article: The deafening silence on China’s human rights abuses

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.