Sequestrati prodotti tessili con false etichettature “made in Italy”

Piu’ di un milione di capi di abbigliamento con false etichettature “made in Italy” ed 80.000 rotoli di tessuto irregolare, per 6.300 chilometri, sono stati sequestrati dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Prato in un’operazione che ha smantellato un’intera filiera cinese consistente nell’importazione e nella commercializzazione di prodotti tessili e di abbigliamento in violazione di tutte le norme in materia di sicurezza e tutela dell’origine del prodotto.

L’operazione, che ha consentito di scoprire una vera e propria filiera del falso “made in Italy” nonche’ un enorme polo d’importazione di tessuti privi di qualunque indicazione obbligatoria sulla composizione e la provenienza, e’ frutto dell’attivita’ di intelligence degli uomini delle Fiamme Gialle di Prato e si inserisce nell’intensificazione dei servizi volti a contrastare l’illegalita’ economico-finanziaria, previsti nel “Patto per Prato Sicura”, recentemente rinnovato alla presenza del Ministro dell’Interno Roberto Maroni.

Fonte: Agenzia Italia, 18 marzo 2010

Condividi:

print print
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.