Sequestrate borse dell’acqua calda cinesi

Nell’ambito delle attività di controllo all’importazione di apparati elettrici a bassa tensione, i funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Malpensa hanno sequestrato 8.050 borse per acqua calda elettriche, prive dei necessari requisiti di sicurezza.

La merce, proveniente dalla Cina, e contenuta in una spedizione selezionata dal Circuito Doganale di Controllo, è stata bloccata in sede di verifica. Gli accertamenti, effettuati anche tramite l’invio di campioni all’IMQ (Istituto del Marchio di Qualità), hanno evidenziato la non conformità dei prodotti ai requisiti essenziali di sicurezza della Direttiva 2006/95/CE sui prodotti elettrici a bassa tensione.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, competente in materia, ha emesso un provvedimento di temporaneo divieto di immissione in commercio dei prodotti, intimando alla ditta importatrice di provvedere all’adeguamento degli stessi ai requisiti di conformità previsti dalle disposizioni di legge, con apposizione della marcatura CE. In alternativa la società dovrà procedere alla distruzione

Radio Lombardia,28/01/2016

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.