Scontri in Cina: per Pechino morti 46 uiguri

Prosegue la guerra di cifre sulle vittime negli scontri scoppiati nei giorni scorsi nella regione cinese dello Xinjiang. Pechino ha aggiornato il bilancio ufficiale a 184 morti fornendo per la prima volta la loro etnia. Secondo l’agenzia ufficiale Xinhua, la maggioranza delle vittime, 137, sono cinesi Han e 46 gli uiguri, l’etnia turcofona di religione islamica che vive nello Xinjiang.Un’altra vittima apparteneva al’etnia hui, musulmani cinesi.
Per gli uiguri, le vittime sarebbero molte di piu’: “Questi sono i numeri degli han, noi abbiamo i nostri dati”, ha riferito Akumjia. Secondo l’Human Rights Watch, il governo di Pechino, dalla rivolta scoppiata lo scorso 5 luglio, ha schierato circa 20 mila militari a Urumqi per impedire nuove proteste. La polizia ha vietato ogni manifestazione annunciando che “disperdera’ qualsiasi assemblea illegale” e che “si riserva di prendere tutte i necessari provvedimenti”. Per il momento, per le vie di Urumqi non si sono registrati disordini ma regna un clima di forte tensione. Gli uiguri sono guardati a vista da migliaia di militari in assetto anti-sommossa mentre dagli altoparlanti piazzati su alcune auto viene ordinato agli uiguri di restare nelle case e di accettare la linea del governo.

fonte: AGI, 11 luglio 2009

Che cos’è lo Xinjiang?

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.