Scompaiono due monaci tibetani, arrestati per la quarta volta

La polizia cinese ha arrestato il 14 maggio i monaci Tsundue Gyatso e Sonam Gyatso (nella foto) dopo un’irruzione nel monastero di Labrang (Gansu). Il Tibetan Centre from Human Rights and Democracy (Tchrd) dice che da allora non si hanno notizie e si ignora anche dove siano detenuti.

I due monaci sono stati arrestati già altre 3 volte con l’accusa di aver partecipato alle proteste del marzo 2008 contro la persecuzione cinese, ma poi rilasciati. Quando i familiari sono andati a portar loro vestiti e cibo, la polizia ha detto che doveva solo interrogarli di nuovo e che li avrebbe presto rilasciati. Da allora non si hanno notizie.

Il Tchrd denuncia che diversi monaci e cittadini tibetani sono stati arrestati più volte per avere partecipato alle proteste del 2008, senza mai esserci accuse formali né processo. Il gruppo ricorda Labrang Jigme, arrestato il 22 marzo e torturato in carcere per due mesi con l’accusa di avere partecipato alle proteste a Labrang. Poi liberato per ragioni mediche. Di nuovo arrestato nel novembre 2008 e rilasciato solo il 3 maggio 2009.

Secondo gli attivisti pro-diritti, si tratta di una precisa strategia per stroncare queste persone nel fisico e nella mente.

fonte: AsiaNews, 4 giugno 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.